Proverbi | Poesie | Racconti | Articoli | Dizionario | Ricette | Mobile | BackOffice e Registrazione | Contatti | Home 
PAROLA
IN
Dialettando.com



Le Regioni
Abruzzo
Basilicata
Calabria
Campania
Emilia Romagna
Friuli Venezia Giulia
Lazio
Liguria
Lombardia
Marche
Molise
Piemonte
Puglia
Sardegna
Sicilia
Toscana
Trentino Alto Adige
Umbria
Valle d'Aosta
Veneto
Canton Ticino
Corsica



Marche
A certi critici
Dialetto: Marche

A certi critici
Sento quarche vocetta lenta lenta,
che parla quasci sempre fra li denti,
che ride, che cojona e se lamenta
de 'sti sonetti sciocchi e strafottenti.

<< Chi è l'analfabeta che presenta
'sti sgorbi dialettali inconcludenti,
che per gli errori a leggerli si stenta?
Robba da chiodi,non da cumplimenti.>>

Piano; li cumplimenti io no li vojo,
specie da chi se crede sopra a Zola,
pieni de boria, d'ambiziò, d'orgojo.

Io cazolà, scallai 'na sedia sola,
ma fra de vu, scusate se ce cojo,
quanti banchi scallaste de la scola?

  Traduzione in italiano

A certi critici
Sento qualche vocetta piano piano,
che parla quasi sempre tra i denti,
che ride,che prende in giro e si lamenta
di questi sonetti sciocchi e strafottenti.

<< Chi è l'analfabeta che presenta
'sti sgorbi dialettali inconcludenti,
che per gli errori a leggerli si stenta?
Roba da chiodi,non da complimenti.>>

Piano; i complimenti io non li voglio
specie da chi si crede sopra a Zola,
pieni di boria, d'ambizione,d'orgoglio.

Io calzolaio,scaldai una sedia sola,
ma fra di voi,scusate se c'indovino,
quanti banchi scaldaste della scuola?




Poesia inviata da: CONCARLO


Viaggi, destinazioni turismo e avventura


dialettando.com © 2003-2019 Simonelli Editore Srl - Golem100 Srl - All rights reserved | Contatti