Proverbi | Poesie | Racconti | Articoli | Dizionario | Ricette | Mobile | BackOffice e Registrazione | Contatti | Home 
PAROLA
IN
Dialettando.com



Le Regioni
Abruzzo
Basilicata
Calabria
Campania
Emilia Romagna
Friuli Venezia Giulia
Lazio
Liguria
Lombardia
Marche
Molise
Piemonte
Puglia
Sardegna
Sicilia
Toscana
Trentino Alto Adige
Umbria
Valle d'Aosta
Veneto
Canton Ticino
Corsica



Liguria
A mua do Nin
Dialetto: Liguria

A mua do Nin
O l’àiva a buttega de fainotto
A meitæ montâ de San Scimon
E duÎ barbixi comme ‘n baccanotto
Ch’o l’arrissava sempre con pascion.

Tutti i giorni doppo a brusca e striggia
o-a fava beie, poi o ghe dava a biava
parlando a.a mûa comme parlâ a ‘na figgia
intanto o basto addosso o ghe ligàva.

“Mia Bionda, ciù fïto femmo ciù fïto femmo festa,
portemmo a spéisa a-a gente da montâ,
e no sponciäme, tegni ferma a testa
tanto mi o so che o “ domicilio” o no te và.”

Sentivo i seuccai arraspâ in ti mouin
con ægoa, vento, a votte anche co-a giassa,
e mi de corsa andavo incontro a.o Nin
pe retiä a sporta e un tocco de fugassa.

Ma un giorno o Nin o no l’è ciù passòu
mæ moæ a m’ha dïto c’ho l’è andæto in çê.

Chissà se a Bionda appreuvo o s’é portòu
Pe fâ in to Paradiso o carratê.



Dialetto Genovese

  Traduzione in italiano

La mula del Nin
Aveva il negozio di panettiere (farinotto)
a metà salita di San Simone
e due favoriti come un signorotto
che arricciava sempre con passione.

Tutti i giorni dopo la brusca e striglia
la faceva bere poi le dava la biada,
parlando alla mula come parlare a una figlia
e intanto il basto addosso le legava.

“Mia Bionda, prima ci sbrighiamo prima facciamo festa,
portiamo la spesa alla gente della salita (montà)
e non spingermi, tieni ferma la testa
tanto lo so che il “domicilio” non ti va.”

Sentivo gli zoccoli arrancare nei mattoni
con acqua, vento, a volte anche col ghiaccio
e io di corsa andavo incontro al Nin
per ritirare la borsa e un pezzo di focaccia.

Ma un giorno il Nin non è più passato,
mia madre mi ha detto che è andato in cielo.

Chissà se la Bionda con sé ha portato
per fare in Paradiso il carrettiere.





Poesia inviata da: Felice Franchello


Viaggi, destinazioni turismo e avventura


dialettando.com © 2003-2019 Simonelli Editore Srl - Golem100 - All rights reserved | Contatti