Proverbi | Poesie | Racconti | Articoli | Dizionario | Ricette | Mobile | BackOffice e Registrazione | Contatti | Home 
PAROLA
IN
Dialettando.com



Le Regioni
Abruzzo
Basilicata
Calabria
Campania
Emilia Romagna
Friuli Venezia Giulia
Lazio
Liguria
Lombardia
Marche
Molise
Piemonte
Puglia
Sardegna
Sicilia
Toscana
Trentino Alto Adige
Umbria
Valle d'Aosta
Veneto
Canton Ticino
Corsica



Piemonte
La fiucada
La poesia ha la virtù di scrollarci di dosso il grigiore quotidiano. Ecco una mia poesia dialettale che ricorda una nevicata di tanti anni fa, quando lungo la mia strada non esistevano ancora i parallelepipedi condominiali e dalla mia casetta appena costruita potevo spaziare fino alla lontana visione delle cime Lepontine.

Dialetto: Piemonte

La fiucada
Gnanca
un sëgn
sü la fioca bianca
stamatich bunora;
quarcià
ad tzücru
la smëia
al mè ort d’inzóra.

Al mund al droma:
s’ha svigià ‘ncó ‘nzüna…
‘ma lungh la grunda
dal magazzìch dal Ristunda
as vëga di sciampìt:
imprunti dal mè gat
che dopu ciapà ‘l rat
l’è pasà sü la fiòca
nunda l’eva pòca
par gnì fin cà.

  Traduzione in italiano

La nevicata
Nemmeno
un segno
sulla neve bianca
stamane all’alba;
coperto
di zucchero
sembra
il mio orto, visto da sopra.

Il mondo dorme:
nessuno si è ancora svegliato…
Soltanto lungo la gronda
del magazzino del Porazzi
si vedono delle piccole impronte:
orme del mio gatto
che catturato il topo
è passato sulla neve
dov’era poca
per tornare fino a casa.



Poesia inviata da: Antonio Lavatelli


Viaggi, destinazioni turismo e avventura


dialettando.com © 2003-2019 Simonelli Editore Srl - Golem100 - All rights reserved | Contatti