Proverbi | Poesie | Racconti | Articoli | Dizionario | Ricette | Mobile | BackOffice e Registrazione | Contatti | Home 
PAROLA
IN
Dialettando.com



Le Regioni
Abruzzo
Basilicata
Calabria
Campania
Emilia Romagna
Friuli Venezia Giulia
Lazio
Liguria
Lombardia
Marche
Molise
Piemonte
Puglia
Sardegna
Sicilia
Toscana
Trentino Alto Adige
Umbria
Valle d'Aosta
Veneto
Canton Ticino
Corsica



Liguria
I rigordi
Dialetto: Liguria

I rigordi
Sciù da-u fundu du mâe chêu
de rigordi quanti a n’issu!
E-i sun lü bun recanissu,
duçe bucca in po’i me fan...

Ma sun miga tutti alegri:
ciù d’un l’è fin neigru e triste:
ma i rigordi sempre piste
sun che-i mëna a-u passon...

Oh! passon che-in po’ luntan
ti te fâe ciù ogni mattin.
Se da- u çhêu, che n’è strappin,
sciù i rigordi i nu muntasse

a bagnò questu presente
e- i tre stecchi in tu mâe ortu,
oh! passon ti fuisci mortu,
e cun tì foscia’nche mì.

  Traduzione in italiano


Su dal profondo del mio cuore
di ricordi quanti ne alzo (=issu)!
essi sono una buona regolizia (=recanisso, regolizia da radice della pianta di regolizia)
che mi addolciscono la bocca...

Ma non sono tutti allegri:
più di uno è perfino nero e triste:
ma i ricordi sono sempre piste
che riportano (=mena) al passato...

Oh! passato che un po più lontano
ti fai ogni mattino.
Se dal cuore, che ne è strapieno,
più ricordi non risalissero

a bagnare questo presente
ed i tre stecchi nel mio orto,
oh! passato tu fossi morto,
e con te persino (=foscianche) io.



Poesia inviata da: Luigi Panero de Leua


Viaggi, destinazioni turismo e avventura


dialettando.com © 2003-2019 Simonelli Editore Srl - Golem100 Srl - All rights reserved | Contatti