Proverbi | Poesie | Racconti | Articoli | Dizionario | Ricette | Mobile | BackOffice e Registrazione | Contatti | Home 
PAROLA
IN
Dialettando.com



Le Regioni
Abruzzo
Basilicata
Calabria
Campania
Emilia Romagna
Friuli Venezia Giulia
Lazio
Liguria
Lombardia
Marche
Molise
Piemonte
Puglia
Sardegna
Sicilia
Toscana
Trentino Alto Adige
Umbria
Valle d'Aosta
Veneto
Canton Ticino
Corsica



Basilicata
dDo curtietto
Tra gli oggetti appartenuti a mio padre contadino c'è un coltello posato sulla mia scrivania. Quanti ricordi! (da GENTE LUCANA)

Dialetto: Basilicata

dDo curtietto
Tene sessant'anni ddo curtieddo
cco lo manico giallo re cuorno
e ca patrimo ammolava a la fontana.

'Mpere a 'nna chianta re fico
l'aprìa ppe fa colazione a la Tempa
e 'ncoppa 'nna fedda re pane
tagliava 'nna feddozza re longa
a ogni muzzico re pane.
Allongava 'nna mano
cuglìa 'nna fico re iùri
la colazione fernìa e tornava a zappà,
'nna vota gnottecàto ddo curtieddo,
lo stipava cco cura inta la sacca.

Continuav'a zappà fin'a la sera.

E' muorto ra tanto tiempo, patrimo.
E, sulo toccannolo o uarddànnolo,
ddo curtieddo, mme lo face sente
ancora vivo, 'mbacci a mmi,
a la Tempa. Ah, le ccose care!

  Traduzione in italiano

Quel coltello
Ha sessant'anni quel coltello
con il manico giallo di corno
e che mio padre affilava alla fontana.

Ai piedi di una pianta di fico
l'apriva per far colazione alla Tempa
e su una fetta di pane
tagliava una fettina di pancetta
ad ogni morso di pane.
Allungava una mano
coglieva un fior di fico
la colazione finiva e tornava a zappare
una volta piegato quel coltello
lo riponeva con cura in tasca.

Continuava a zappare fino a sera.

E' morto da tanto tempo, mio padre.
E, soltanto toccandolo guardandolo,
quel coltello, me lo fa sentire
ancora vivo, a me vicino,
alla Tempa. Ah, le cose care!






Poesia inviata da: Giuseppe De Vita


Viaggi, destinazioni turismo e avventura


dialettando.com © 2003-2019 Simonelli Editore Srl - Golem100 Srl - All rights reserved | Contatti