Proverbi | Poesie | Racconti | Articoli | Dizionario | Ricette | Mobile | BackOffice e Registrazione | Contatti | Home 
PAROLA
IN
Dialettando.com



Le Regioni
Abruzzo
Basilicata
Calabria
Campania
Emilia Romagna
Friuli Venezia Giulia
Lazio
Liguria
Lombardia
Marche
Molise
Piemonte
Puglia
Sardegna
Sicilia
Toscana
Trentino Alto Adige
Umbria
Valle d'Aosta
Veneto
Canton Ticino
Corsica



Abruzzo
Rusine, l’amore mije
Il destino, spesso, nella vita mette lo ...zampino...

Dialetto: Abruzzo

Rusine, l’amore mije
Rusì,
te ricorde quande javame arrete a lu pajare a ffa l’amore,
quande me si dette pe la prima vote:
“Pasquà, te voje bbene, tu si l’ommene che ffa pe mme,
pecchè nen ce spuseme?”
Rusì, je l’avesse fatte subbete,
Ddije è testimone, ma purtroppe
So dovute veni a ècche pe fatijà.
Rusì, te scongiure, nen te scurdà de me,
je fatije e mette li solde a lu pizze,
accuscì, appene ariturne a la case, te spose subbete,
pecchè è inutele a dice: tu si ffatte juste pe mmé.
Rusì,
lu nome te, me reporte arrete ne lu tempe,
quande eravame giovene cuntente,
eravame: care, forte e spinzijerate
e pazzijavame a ffà l’amore sotte a lu pergulate.
Cche bbelle che li tempe,
come vulesse turnà allore,
abbracciarte forte a lu pette
e insijeme a tte a ffà l’amore.
Rusì,
tu me ricurde la case addò so nate,
tu me ricorde la mmamme che mm’ha allattate,
tu me ricurde lu mumente cchiù bbrutte de la vite:
quande pe fatijà da te je so partite.

  Traduzione in italiano

Rosina, il mio amore
Rosina,
ti ricordi quando andavamo dietro il pagliaio a far l’amore,
quando mi hai detto per la prima volta:
“Pasquale, ti voglio bene, tu sei l’uomo che fa per me,
perché non ci sposiamo?”
Rosina, io l’avrei fatto subito,
Dio è testimone, ma, purtroppo
Son dovuto venire qui per lavorare.
Rosin, ti scongiuro, non t scordar di me,
io lavoro e tengo i soldi d parte,
così, appena ritorno a casa, ti sposo subito,
perché, è inutile negarlo: tu sei la donna giusta per me.
Rosina,
il tuo nome mi riporta indietro nel tempo,
quando eravamo giovani e contenti,
eravamo: cari, forti e spensierati
e giocavamo a far l’amore sotto il pergolato.
Che belli, quei tempi,
come vorrei tornare ad allora,
abbracciarti forte al petto
ed insieme a te a far l’amore.
Rosina,
tu mi ricordi la caso dove sono nato,
tu mi ricordi la madre che mi ha allattato,
tu mi ricordi il momento più brutto della vita:
quando per lavoro da te io son partito.



Poesia inviata da: Giovanni Ricci


Viaggi, destinazioni turismo e avventura


dialettando.com © 2003-2019 Simonelli Editore Srl - Golem100 - All rights reserved | Contatti