Proverbi | Poesie | Racconti | Articoli | Dizionario | Ricette | Mobile | BackOffice e Registrazione | Contatti | Home 
PAROLA
IN
Dialettando.com



Le Regioni
Abruzzo
Basilicata
Calabria
Campania
Emilia Romagna
Friuli Venezia Giulia
Lazio
Liguria
Lombardia
Marche
Molise
Piemonte
Puglia
Sardegna
Sicilia
Toscana
Trentino Alto Adige
Umbria
Valle d'Aosta
Veneto
Canton Ticino
Corsica



Calabria
Schola est servatio
Questi sono due sonetti del poeta di Caulonia (RC) Orazio Raffaele Di Landro, pubblicati sulla rivista trimestrale “Calabria Letteraria n. 1-2-3 di Gennaio-Febbraio-Marzo 2009”. Il poeta qui “gioca” con le parole latine “servatio” e “servitio” e sentendo sempre dire che la scuola è un servizio, egli invece ribatte che è “servazio”, cioè il mantenimento della cultura. Usa poi nei versi altre parole latine virgolettate per indicare bene i compiti della scuola.

Dialetto: Calabria

Schola est servatio
I
A scola esti "servàziu", 'on è "servìziu",
esti maestra, 'on esti servitura;
non esti certamenti asìlu o ospìziu,
semplicementi è a casa da cultura.

Non esti ricettàculu du vìziu,
è prospettiva pa' vita futura;
dà non si vaji pe piacìri o sfìziu,
ma pe' 'mparari comu si matùra.

Veni da "servo, servas... servare",
e non da "servio, servis... servìre";
n'attu latìnu giustu esti "parare",

e non soltantu "stare et venìre".
E' necessàriu "oràre" e "laboràre",
è giustu "cogitàre" e "oboedìre".


II
A scola ndàvi sulu na funzioni
(e non nci voli nenti u si capìsci):
Ndavi u trasmetti seria educazioni,
e soprattuttu ndàvi mu istruìsci.

Non è serviziu! Ma è n'istituzioni,
chi a cui voli mu studia garantìsci
ca po' acquistàri na preparazioni
chi sulu a scola sàpi mu fornìsci.

Non è serviziu: Non nci sunnu "utenti",
ndàvi persuni cu n'impegnu seriu
chi stùdianu, e si chjàmanu "studenti".

Vali pa scola nu sulu critèriu:
U frequèntanu genti intelligenti.
Mandàri a tutti è sulu deletèriu!

  Traduzione in italiano

La scuola è "servatio"
I
La scuola è “servazio”, ossia conservazione, non è “servizio”,
è un maestra, non è una servitrice;
non è certamente un luogo di ricovero, asilo o ospizio,
semplicemente è la casa della cultura.

Non è un ricettacolo del vizio,
è prospettiva per la vita futura;
non si va a scuola per piacere o capriccio,
ma per imparare come si cresce e si matura.

Il suo significato viene dal verbo latino “servo, servas… servare”,
e non da “servio, servis… servire”;
e un altro buon termine latino [per il significato che ha] è “parare”,

e non soltanto “stare” e “venire”.
È necessario “pregare” e “lavorare”,
ed è giusto “pensare” e “obbedire”.


II
La scuola ha solo una funzione
(e non ci vuole niente a capirlo):
Deve trasmettere seria educazione,
e soprattutto deve istruire.

Non è un servizio! Ma è un’istituzione,
che a chi vuole studiare garantisce
di poter acquistare una preparazione
che soltanto la scuola può fornire.

Non è un servizio: Non ci sono “utenti”,
ci sono persone con un serio impegno
che studiano, e si chiamano “studenti”.

Vale per la scuola un solo criterio:
che sia frequentata da persone intelligenti.
Mandare tutti a scuola è soltanto deleterio!



Poesia inviata da: Orazio Raffaele Di Landro


Viaggi, destinazioni turismo e avventura


dialettando.com © 2003-2019 Simonelli Editore Srl - Golem100 - All rights reserved | Contatti