Proverbi | Poesie | Racconti | Articoli | Dizionario | Ricette | Mobile | BackOffice e Registrazione | Contatti | Home 
PAROLA
IN
Dialettando.com



Le Regioni
Abruzzo
Basilicata
Calabria
Campania
Emilia Romagna
Friuli Venezia Giulia
Lazio
Liguria
Lombardia
Marche
Molise
Piemonte
Puglia
Sardegna
Sicilia
Toscana
Trentino Alto Adige
Umbria
Valle d'Aosta
Veneto
Canton Ticino
Corsica



Calabria
'U RISSI GIA' PLATUNI
A che servono le lezioni della Storia se nessuno ha interesse a ricordarle? (sonetto inedito in dialetto reggino)

Dialetto: Calabria

'U RISSI GIA' PLATUNI
Ndi na famusa pàggina Platuni
parrandu d"a Rriprùbbica si sbraca:
dici ch"a troppa libbirtà mbrïaca
e cchianu chianu non si campa cchiùni.

Privali 'a dura leggi d'u bbastuni
chi nnon s'alterna mai â bbastunaca;
pirfinu u neunatu nt"a so' naca
cumanda, criri d'èssiri patruni.

Seguitandu cusì 'a Nazzïuni
finissci chi ddifenta na cloàca.
U lumi perdi l'omu d"a rraggiuni,

no' nc'è pprugressu, è u mundu na lumaca,
cu' a mmimòria sapi 'a lizzïuni
non si fira mi parra. Sì, s"a caca.

(24-05-2009)

  Traduzione in italiano

LO DISSE GIA' PLATONE
In una famosa pagina Platone
parlando della Repubblica si lascia andare:
dice che la troppa libertà ubriaca
e piano piano non si vive più.

Prevale la dura legge del bastone
che non si alterna mai alla carota;
perfino un neonato nella sua culla
comanda, crede d'essere padrone.

Seguitando così la Nazione
finisce per diventare una cloaca.
L'uomo perde il lume della ragione,

non c'è progresso, è il mondo una lumaca,
chi conosce a memoria la lezione
non ha il coraggio di parlare. Sì, se la fa addosso.



Poesia inviata da: MAMUNI


Viaggi, destinazioni turismo e avventura


dialettando.com © 2003-2019 Simonelli Editore Srl - Golem100 Srl - All rights reserved | Contatti