Proverbi | Poesie | Racconti | Articoli | Dizionario | Ricette | Mobile | BackOffice e Registrazione | Contatti | Home 
PAROLA
IN
Dialettando.com



Le Regioni
Abruzzo
Basilicata
Calabria
Campania
Emilia Romagna
Friuli Venezia Giulia
Lazio
Liguria
Lombardia
Marche
Molise
Piemonte
Puglia
Sardegna
Sicilia
Toscana
Trentino Alto Adige
Umbria
Valle d'Aosta
Veneto
Canton Ticino
Corsica



Calabria
COMU FU?!
Quei poveri ragazzi sono vittime innocenti. I veri colpevoli stanno altrove... (sonetto inedito in dialetto reggino)

Dialetto: Calabria

COMU FU?!
Nc'è ccu' spera mi sfunda nt"o spittàculu,
comu cantanti, attrici, bballerina.
Cârcùna nci rrinèssci, s'è ccarina,
s'àvi furtuna o succeri un miràculu.

Eu penzu a ccu' s'arrendi 'o primu ostàculu.
'E casalinghi 'a vita r"a cucina
no' nci pïaci. Mègghiu "l'eroina"...
’dda droga chi ggià llonga nu tentàculu.

'Sta sucità, ch'è ccìnica, bbalorda,
no' nzigna cchiù valuri a' ggiuvintù,
chi pprima s'abbrutissci, po' si llorda,

jttàndusi nt"e bbrazza 'i Bberzebbù.
E qquandu, all'ùrtimu, si spezza 'a corda
si rumàndunu tanti: Comu fu?!

(06-05-2009)

  Traduzione in italiano

COME FU?!
C'è chi spera di sfondare nello spettacolo,
come cantante, attrice, ballerina.
Qualcuna ci riesce, s'è carina,
se ha fortuna o accade un miracolo.

Io penso a chi si arrende al primo ostacolo.
Alle casalinghe la vita della cucina
non piace. Meglio "l'eroina"...,
la droga che già allunga un tentacolo.

Questa società, ch'è cinica, balorda,
non insegna più valori alla gioventù,
che prima si abbrutisce, poi si sporca,

buttandosi nelle braccia di Belzebù.
E quando, alla fine, si spezza la corda,
si domandano in tanti: Come fu?!



Poesia inviata da: MAMUNI


Viaggi, destinazioni turismo e avventura


dialettando.com © 2003-2019 Simonelli Editore Srl - Golem100 Srl - All rights reserved | Contatti