Proverbi | Poesie | Racconti | Articoli | Dizionario | Ricette | Mobile | BackOffice e Registrazione | Contatti | Home 
PAROLA
IN
Dialettando.com



Le Regioni
Abruzzo
Basilicata
Calabria
Campania
Emilia Romagna
Friuli Venezia Giulia
Lazio
Liguria
Lombardia
Marche
Molise
Piemonte
Puglia
Sardegna
Sicilia
Toscana
Trentino Alto Adige
Umbria
Valle d'Aosta
Veneto
Canton Ticino
Corsica



Basilicata
CIAMARUCHIDD
Dialetto: Basilicata

CIAMARUCHIDD
A chi prim së rueglië éntë a terr,
a chi prim së móv, chë stu sort dë ruagnë ‘ncudd,
a chi prim arriv ai pid dë na rëstoccë,
e po’ la ‘nchianatë cu uauëtë sópë ai spaddë,
ammuntënat, un ‘nsópë a l’autë,
scatapentë, catavóttë,
e chi non s’ammantén e cadë abbascë,
e ava accumënzà dacapë.
Che corsa e fatìa fëttutë.
Se na man, prim de san Giuann, n’accoglië,
fërnim éntë a na tiellë chë rehë e pummëdur,
së nò, facim la fin di fess,
rumanimë vacant,
a vëntëlià all’aria freschchë.

  Traduzione in italiano

LUMACHINE
Sottoterra al primo risveglio,
per i più rapidi, col grave peso sulle spalle,
correndo ai piedi di uno stelo di paglia,
e l’erta salita con la casa incollata,
ammassati, accatastati,
spintoni, brusche spallate,
e chi non regge precipita in basso,
e deve pur cominciare daccapo.
Che spreco e inutile fatica.
Forse una mano, prima di S. Giovanni,
ci coglierà, e finiremo in pentola,
con pomodoro e origano,
altrimenti, sarà brutta fine per noi,
resteremo gusci vuoti,
in balìa del fresco vento che verrà.



Poesia inviata da: Donato Muscillo


Viaggi, destinazioni turismo e avventura


dialettando.com © 2003-2019 Simonelli Editore Srl - Golem100 Srl - All rights reserved | Contatti