Proverbi | Poesie | Racconti | Articoli | Dizionario | Ricette | Mobile | BackOffice e Registrazione | Contatti | Home 
PAROLA
IN
Dialettando.com



Le Regioni
Abruzzo
Basilicata
Calabria
Campania
Emilia Romagna
Friuli Venezia Giulia
Lazio
Liguria
Lombardia
Marche
Molise
Piemonte
Puglia
Sardegna
Sicilia
Toscana
Trentino Alto Adige
Umbria
Valle d'Aosta
Veneto
Canton Ticino
Corsica



Calabria
PRIJAMU
Di fronte alle tragedie umane tutti si sentono più buoni e solidali. Preghiamo affinché l’Onnipotente faccia durare il più a lungo possibile questo stato di grazia. (sonetto inedito in dialetto calabro-reggino)

Dialetto: Calabria

PRIJAMU
I cunsiquenzi, tutti negativi,
d’u terrimotu ’i lL’Aquila sû ggravi,
disasrrusi! ’Stu sisma pirò nd’àvi,
a qquantu vìu, aspetti positivi.

’Ddi ssciarri di sarbaggi primitivi,
’ddi ggrira chi nnasscìvunu ch’i bbavi
spariru d”a tti-vvù! Su’ ttutti bbravi
oggi i puliticanti, cumprinzivi.

’O Guvernu nci vòtunu a ffavuri
pirfinu l’avvirsari. È Ppasca. Antornu
nc’è ddisidèriu ’i paci, nu rritornu

â prijèra. «Mandàtici, o Signuri,
òmini nòvi, ggenti di valuri…»
Ma forsi serbi un terrimotu ’o jòrnu!

(09-04-2009)

  Traduzione in italiano

PREGHIAMO
Le conseguenze, tutte negative,
del terremoto de L’Aquila sono gravi,
disastrose! Questo sisma però presenta,
a quanto vedo, aspetti positivi.

Quei litigi di selvaggi primitivi,
quelle grida che uscivano con le bave
sono spariti dalla TV! Son tutti bravi
oggi i politicanti, comprensivi.

Al Governo vòtano a favore
perfino gli avversari. È Pasqua. Attorno
c’è desiderio di pace, un ritorno

alla preghiera: «Mandàteci, o Signore,
uomini nuovi, gente di valore…».
Ma forse serve un terremoto al giorno!



Poesia inviata da: MAMUNI


Viaggi, destinazioni turismo e avventura


dialettando.com © 2003-2019 Simonelli Editore Srl - Golem100 - All rights reserved | Contatti