Proverbi | Poesie | Racconti | Articoli | Dizionario | Ricette | Mobile | BackOffice e Registrazione | Contatti | Home 
PAROLA
IN
Dialettando.com



Le Regioni
Abruzzo
Basilicata
Calabria
Campania
Emilia Romagna
Friuli Venezia Giulia
Lazio
Liguria
Lombardia
Marche
Molise
Piemonte
Puglia
Sardegna
Sicilia
Toscana
Trentino Alto Adige
Umbria
Valle d'Aosta
Veneto
Canton Ticino
Corsica



Calabria
CRISI GGINIRALI
Quando le cose vanno male, chi dovrà pagare per primo è sempre il Presidente! (tre sestine in dial. calabro-reggino)

Dialetto: Calabria

CRISI GGINIRALI
”Cu’ ’rriva a Pprisirenti
è n’omu ’ccezziunali,
cchiù ’randi, cchiù vvalenti
di ll’àutri mortali”
pinzau sempi ’a ggenti.
Ma penza ancora uguali?

Quandu l’allenaturi
non sunnu bbravi masrri
e ttutti i jocatùri
cumbìnunu disasrri
nci vonnu curi e ccuri,
non pìnnuli, no’ mpiasrri.

Na squatra chi nnon bali
pot’èssiri vincenti?
Cu’ tifa penza a mmali,
ddifenta ’mpazïenti,
s”a pìgghia, è nnaturali,
puru c’u Prisirenti.

(05-04-2009)

  Traduzione in italiano

CRISI GENERALE
”Chi arriva a Presidente
è un uomo eccezionale,
più grande, più valente
degli altri mortali”
ha sempre pensato la gente.
Ma pensa ancora allo stesso modo?

Quando gli allenatori
non sono bravi mastri
e tutti i giocatori
combinano disastri
ci voglion cure e cure,
non pillole, no’ impiastri.

Una squadra che non vale
può essere vincente?
Chi tifa pensa a male,
diventa impaziente,
se la prende, è naturale,
pure col Presidente.



Poesia inviata da: MAMUNI


Viaggi, destinazioni turismo e avventura


dialettando.com © 2003-2019 Simonelli Editore Srl - Golem100 Srl - All rights reserved | Contatti