Proverbi | Poesie | Racconti | Articoli | Dizionario | Ricette | Mobile | BackOffice e Registrazione | Contatti | Home 
PAROLA
IN
Dialettando.com



Le Regioni
Abruzzo
Basilicata
Calabria
Campania
Emilia Romagna
Friuli Venezia Giulia
Lazio
Liguria
Lombardia
Marche
Molise
Piemonte
Puglia
Sardegna
Sicilia
Toscana
Trentino Alto Adige
Umbria
Valle d'Aosta
Veneto
Canton Ticino
Corsica



Calabria
QUANTU SU’ BBRAVI!
Si vuole varare una legge per consentire al malato di scegliere come morire. Ma se i giudici decidono pur non essendoci la norma e i medici non sono obbligati a osservare il testamento biologico, il malato conta ancora qualcosa?!

Dialetto: Calabria

QUANTU SU’ BBRAVI!
U malatu chi, ffattu u testamentu
bbiològgicu, finissci ntô spitali,
penzu chi nnon pot’èssiri cuntentu
mi sapi chi pp’i mèrici non bali.

L’avìssiru a ccurari p’u so’ mali
ma spissu è ssulu oggettu ’i sperimentu
chi ttèrmina cu n’èsitu fatali
dopu nu terapèuticu ’ccanimentu.

Lòttunu senaturi e ddiputati
pi nu testu di leggi pocu chiaru.
Si stannu prufilandu i rrisurtati:

”Non si rripeti cchiù nu casu Englaru!”
E mmentri i ggiùdici su’ ppirdunati
u malatu chi ssoffri… nghiutti amaru.

(03-04-2009)

  Traduzione in italiano

QUANTO SONO BRAVI!
Il malato che, fatto il testamento
biologico, finisce in ospedale,
penso non potrà essere contento
di sapere che per i medici non vale.

Dovrebbero curarlo per il suo male
ma spesso è solo oggetto di esperimento
che termina con un esito fatale
dopo un terapeutico accanimento.

Lòttano senatori e deputati
per un testo di legge poco chiaro.
Si stanno profilando i risultati:
”Non si ripeterà un caso Englaro!”

E mentre i giudici son perdonati
il malato che soffre… ingoia amaro.



Poesia inviata da: MAMUNI


Viaggi, destinazioni turismo e avventura


dialettando.com © 2003-2019 Simonelli Editore Srl - Golem100 Srl - All rights reserved | Contatti