Proverbi | Poesie | Racconti | Articoli | Dizionario | Ricette | Mobile | BackOffice e Registrazione | Contatti | Home 
PAROLA
IN
Dialettando.com



Le Regioni
Abruzzo
Basilicata
Calabria
Campania
Emilia Romagna
Friuli Venezia Giulia
Lazio
Liguria
Lombardia
Marche
Molise
Piemonte
Puglia
Sardegna
Sicilia
Toscana
Trentino Alto Adige
Umbria
Valle d'Aosta
Veneto
Canton Ticino
Corsica



Liguria
Chêu stancu
Dialetto: Liguria

Chêu stancu
Zà pe-u boscu pendalocchi
mette a cianta de ninsêue;
fin frevò, l'invérnu méue
e-u s'ingianca l'amanduetta
de pissetti e lëgi fiocchi

"Vegne a nêuva primaveja,
sveggia sveggia amigu chêu,
tempu bùn rispunta anchêu
pe' rimette in mô a barchetta
e dò a-u ventu a.noscia veja!!...

Ma u chêu toxe cume prïa,
drentu stancu de passon.














  Traduzione in italiano

Cuore stanco
Già per il bosco i ciondoli (=pendalocchi) di fiori
mette l’albero di nocciolo.(=ninsêue)
Fine febbraio (=frevò), l'inverno muore (=mèue)
s'imbianca il mandorlo (=amanduetta)
di pizzetti e fiocchi leggeri (=lëgi).

"Viene la nuova primavera,
sveglia (=sveggia), sveglia, amico cuore,
tempo buono rispunta oggi (=anchêu),
per rimettere in mare (=mô) la barchetta
e dare vento alla nostra (=noscia) vela!!...

Ma il cuore tace come pietra (=prïa)
stanco, dentro, di passato (=passon).





Viaggi, destinazioni turismo e avventura


dialettando.com © 2003-2019 Simonelli Editore Srl - Golem100 Srl - All rights reserved | Contatti