Proverbi | Poesie | Racconti | Articoli | Dizionario | Ricette | Mobile | BackOffice e Registrazione | Contatti | Home 
PAROLA
IN
Dialettando.com



Le Regioni
Abruzzo
Basilicata
Calabria
Campania
Emilia Romagna
Friuli Venezia Giulia
Lazio
Liguria
Lombardia
Marche
Molise
Piemonte
Puglia
Sardegna
Sicilia
Toscana
Trentino Alto Adige
Umbria
Valle d'Aosta
Veneto
Canton Ticino
Corsica



Liguria
Aütunu a Lêua
Dialetto: Liguria

Aütunu a Lêua
L’aütunu chi sempre
figgiêu l’è descösu
ch-u va, lerfe russe
de mòe du rian.

Pè l’oja stan gusse
de frescu: l’oudû
di funxi: de l’öve
i sciammi e-i travagli:

e-i scciassi passaggi
d’oxelli, che-i vegne
chissà da quali paixi,
e-i rema, in po’ stanchi

pe-in çê celeste
che l’à gianchi balùi
de nivue tranquille,
ma foscia in po’ tristi.



  Traduzione in italiano

Autunno a Loano
L’autunno qui sempre
è fanciullo scalzo (=descösu)
che cammina, le labbra (=lerfe) rosse
di more (=mòe) del torrente.

Per l’aria galleggiano (=stan) gocce
di frescura: il profumo (=oudù)
dei funghi (=funxi): e delle api (=öve)
gli sciami (=sciammi) ed il loro lavori (=travaggi).

Ed i fitti (=scciassi) passaggi
d’uccelli, che vengono
chissà da quali paesi (=paixi),
e remano, un poco stanchi,

per un cielo celeste
che ha palloni (=balui) bianchi (=gianchi)
di nuvole (=nivue) tranquille,
ma forse (=foscia) un poco tristi.



Poesia inviata da: Luigi Panero de Leua


Viaggi, destinazioni turismo e avventura


dialettando.com © 2003-2019 Simonelli Editore Srl - Golem100 - All rights reserved | Contatti