Proverbi | Poesie | Racconti | Articoli | Dizionario | Ricette | Mobile | BackOffice e Registrazione | Contatti | Home 
PAROLA
IN
Dialettando.com



Le Regioni
Abruzzo
Basilicata
Calabria
Campania
Emilia Romagna
Friuli Venezia Giulia
Lazio
Liguria
Lombardia
Marche
Molise
Piemonte
Puglia
Sardegna
Sicilia
Toscana
Trentino Alto Adige
Umbria
Valle d'Aosta
Veneto
Canton Ticino
Corsica



Calabria
CANI
Si dà la colpa ai cani ma, a ben pensarci, è sempre… dei padroni. (Sonetto inedito in dialetto reggino)

Dialetto: Calabria

CANI
Non bàstunu i prioccupazzïuni
d"a crisi, mo nci sunnu bbranchi 'i cani
chi sbrànunu a 'ddi mari cristïani,
specî ê figghioli, ténniri bbuccuni.

'A curpa, nompirò, è dd'i patruni
ch"i 'bbandùnunu, spissu, ccà e ddàni
e li bbèstii, si ppo' si fannu srrani
è ppirchì martrattati su' e ddjùni.

D'u rrestu, quanti pirsunaggi sani,
a ll'apparenza, 'mmàzzunu a mmucciuni
ê poviretti chi nnon ànnu pani?!

Cani 'i chiamamu, senza na rraggiuni,
non cuccutriddi, veri caimani
ch'ànnu tuttu e ssu' avidi mangiuni!

(22-03-2009)

  Traduzione in italiano

CANI
Non bastano le preoccupazioni
della crisi, ora ci sono branchi di cani
che sbranano quelle povere persone,
specialmente i bambini, teneri bocconi.

La colpa, tuttavia, è dei padroni
che li abbandonano, spesso, qua e là
e le bestie, se poi diventano strane
è perché sono maltrattate e digiune.

D'altronde, quanti personaggi sani,
all'apparenza, uccidono di nascosto
quei poveretti che non hanno pane?!

Cani li chiamiamo, senza una ragione,
non coccodrilli, veri caimani
che hanno tutto e sono avidi mangioni!




Poesia inviata da: MAMUNI


Viaggi, destinazioni turismo e avventura


dialettando.com © 2003-2019 Simonelli Editore Srl - Golem100 Srl - All rights reserved | Contatti