Proverbi | Poesie | Racconti | Articoli | Dizionario | Ricette | Mobile | BackOffice e Registrazione | Contatti | Home 
PAROLA
IN
Dialettando.com



Le Regioni
Abruzzo
Basilicata
Calabria
Campania
Emilia Romagna
Friuli Venezia Giulia
Lazio
Liguria
Lombardia
Marche
Molise
Piemonte
Puglia
Sardegna
Sicilia
Toscana
Trentino Alto Adige
Umbria
Valle d'Aosta
Veneto
Canton Ticino
Corsica



Abruzzo
Arrète castéjje
La descrizione di un paesaggio del mio paese e una riflessione sul nostro mondo

Dialetto: Abruzzo

Arrète castéjje
Ce stà a Celan’, i paése addù so’ nate,
ne poste che chiaméme
arrète castéjje.
Quande une ce và, s’arrive fine a dapète,
se videne ‘ddù muntagne che se ‘ncrucene,
che parene a vedé ‘na cartuline.
Loche mmézze ce cale i sole.
Pe ‘ne sacche de témpe,
oddij!, cumma me paréve assà,
guardènne i punte addù caléve
m’accuriéve che passivene le staggione.
Po’ me ne so jite a Rome.
Altri cieli. Altri tramonti.
Massére me ce sò retruate,
I ssò reviste i sole che caléve.
Certe chelure, rusce, ròse, arancione!
Nenn’atissena èsse diverse da qui de Rome.
Ippure a mì nen me parene uguale.
A Rome i tramonte so ròsse cumme ai mare
Te ce pirde, a guardà.
Ecche a Celane, sò ciche, stritte stritte,
‘mmezze a quele ddù muntagne.
I i chelure pare che se ne vergugnene a fasse vedé.
Allore sò penzate ca nù séme
Cumme a ‘ste tramonte.
Seme beije, che ji stesse chelure,
Ma nen ne piace de farne vedé
Alluscì sfacciate.
Ddu strisce de chelore mmézz’ a ddù muntagne,
‘n cele azzurre, sèmpre che quacche nuvele,
sole ‘na vòte ogni tante.
A nù n’abbaste.
N’abbaste pe sapé
Quant’è bbéjj’ i munne,
i, mmezz’ai munne,
pure ‘ste paése nostre.

  Traduzione in italiano

Dietro Castello
C'è a Celano, il paese in cui sono nato,
un posto che chiamiamo
dietro castello.
Quando uno ci va, se arriva fino
in fondo,
si vedono due montagne che si incrociano,
che sembrano una cartolina.
Lì in mezzo tramonta il sole.
Per molto tempo,
dio! come mi pareva lungo,
guardando il punto in cui tramontava
mi accorgevo che passavano le stagioni.
Poi me ne sono andato a Roma.
Altri cieli. Altri tramonti.
Stasera mi sono ritrovato lì,
e ho rivisto il sole tramontare.
che colori, rosso0, rosa, arancione!
Non dovrebbero essere diversi da quelli di Roma.
Eppure a me non sembrano uguali.
A Roma i tramonti sono grandi come il mare
ti ci perdi a guardare.
Qui a Celano, sono piccoli, stretti stretti
in mezzo a quelle due montagne.
E i colori sembra si vergognino
a farsi vedere.
Allora ho pensato che noi siamo
come questo tramonto.
Siamo belli, con gli stessi colori,
ma non ci piace esibirci
così sfacciatamente.
Due strisce di colore in mezzo a due montagne,
un cielo azzurro, sempre con qualche nuvola,
solo una volta ogni tanto.
A noi basta.
Ci basta per sapere
quantè bello il mondo,
e, in mezzo al mondo,
anche questo paese nostro.



Poesia inviata da: Alberto PARIS


Viaggi, destinazioni turismo e avventura


dialettando.com © 2003-2019 Simonelli Editore Srl - Golem100 Srl - All rights reserved | Contatti