Proverbi | Poesie | Racconti | Articoli | Dizionario | Ricette | Mobile | BackOffice e Registrazione | Contatti | Home 
PAROLA
IN
Dialettando.com



Le Regioni
Abruzzo
Basilicata
Calabria
Campania
Emilia Romagna
Friuli Venezia Giulia
Lazio
Liguria
Lombardia
Marche
Molise
Piemonte
Puglia
Sardegna
Sicilia
Toscana
Trentino Alto Adige
Umbria
Valle d'Aosta
Veneto
Canton Ticino
Corsica



Veneto
PARLAR
Il rispetto degli altri, di un uomo, di un popolo si evince dal rispetto della sua lingua/dialetto. Ogni terra e ogni popolo hanno la loro lingua. Laddove le istituzioni dello stato non parlano la lingua di quella terra e di quel popolo, in quella terra e per quel popolo non c'è libertà.

Dialetto: Veneto

PARLAR
Mi parlo cofà respiro,
cofà magno, penso e pìso.

Co la lengoa ke me gà dà me pare,
el creator del mondo,
e vien fora dal buxo dela me boca,
cofà late da vaca, acoa da tera,
luxe da siel e amor da cor.

Cofà puteo da mare, foja da ramo,
sogno da libartà.

So nato da amor, de tera e Dio,
no gò bexogno de lexar muci de libri
e scoltar maghi ke la conta,
par saver ke la leje dele lej,
el dirito dei diriti,
l’esensa dela cultura,
xè el rispeto e pò l’amor par ti.

E pà rispeto e amor inparo la to lengoa
e sáro in boca la mia.

  Traduzione in italiano

PARLARE
Io parlo come respiro,come mangio,
penso e piscio.

Con la lingua che mi ha dato mio padre,
il creatore del mondo,
ed esce dal buco della mia bocca,
come latte da vacca, acqua da terra,
luce da cielo e amor da core.

Come bimbo da madre, foglia da ramo,
sogno da libertà.

Sono nato da amore, di terra e Dio,
non ho bixogno di leggere mucchi di libri,
e ascoltare maghi che la raccontano,
per sapere che la legge delle leggi,
il diritto dei diritti,
l'essenza della cultura,
è il rispetto e poi l'amore per te.

E per rispetto e amore imparo la tua lingua
e chiudo in bocca la mia.



Poesia inviata da: Alberto Pento


Viaggi, destinazioni turismo e avventura


dialettando.com © 2003-2019 Simonelli Editore Srl - Golem100 Srl - All rights reserved | Contatti