Proverbi | Poesie | Racconti | Articoli | Dizionario | Ricette | Mobile | BackOffice e Registrazione | Contatti | Home 
PAROLA
IN
Dialettando.com



Le Regioni
Abruzzo
Basilicata
Calabria
Campania
Emilia Romagna
Friuli Venezia Giulia
Lazio
Liguria
Lombardia
Marche
Molise
Piemonte
Puglia
Sardegna
Sicilia
Toscana
Trentino Alto Adige
Umbria
Valle d'Aosta
Veneto
Canton Ticino
Corsica



Lazio
Er pentimento
Quanto possa essere sincero e disinteressato il pentimento di un indagato è tutto da dimostrare.

Dialetto: Lazio

Er pentimento
«Si li giornali parleno der fatto
è segno ch’è ‘na cosa sconvorgente;
però me pare che quer pôro matto
vie’ tartassato troppo da la gente…

D’accordo, ha fatto secco ‘n conoscente,
ha ammazzato la mojie e puro er gatto,
s’è magnato dell’urtimo parente
la coratella cruda fatt’ar piatto,

m’alla fine, però, nun s’è pentito?
N’ha chiesto scusa a tutti e ccià rimorzo?
A mme a vedello appare assai contrito!»

« Che fai ce caschi Nì? Ma ch’hai capito?
cce sta solo a provà ppe fa er ricorzo,
pe sfangasse dar gabbio, l’impunito! »

  Traduzione in italiano

Il pentimento
«Se i giornali parlano del fatto
è segno che è una cosa sconvolgente;
però mi pare che quel povero matto
vien tartassato troppo dalla gente…

D’accordo, ha fatto secco un conoscente,
ha ammazzato la moglie e pure il gatto,
s’è magiato dell’ultimo parente
la coratella cruda fatt’al piatto,

m’alla fine, però, non s’è pentito?
Non ha chiesto scusa a tutti ed ha rimorso?
A mme a vederlo appare assai contrito!»

« Che fai ci caschi Nì? Ma ch’hai capito?
sta soltanto provandoci per fare il ricorso,
pe sfangarsi dal carcere, l’impunito! »



Poesia inviata da: Benito Ciarlo


Viaggi, destinazioni turismo e avventura


dialettando.com © 2003-2019 Simonelli Editore Srl - Golem100 Srl - All rights reserved | Contatti