Proverbi | Poesie | Racconti | Articoli | Dizionario | Ricette | Mobile | BackOffice e Registrazione | Contatti | Home 
PAROLA
IN
Dialettando.com



Le Regioni
Abruzzo
Basilicata
Calabria
Campania
Emilia Romagna
Friuli Venezia Giulia
Lazio
Liguria
Lombardia
Marche
Molise
Piemonte
Puglia
Sardegna
Sicilia
Toscana
Trentino Alto Adige
Umbria
Valle d'Aosta
Veneto
Canton Ticino
Corsica



Liguria
Gusse d’amû
Dialetto: Liguria

Gusse d’amû
Se sgrona da-e brasse de ovive
fêuggette che-i cazze in tu fêugu
da tâera che triste a se scciappa.

Fanfora de mille çigoe
che drentu de sciame du sô
se spanze e-a cunfunde u paesaggiu.

U mêue fï a fï l’erbetta,
a vitta se sciuga du mundu
zà pin de frescùa e speranse.

Ma drentu l’arsùa infinïa
u ciêuve impruvvisu da u çê
in sòn de campone che inseme
i crïa che-u l’è mezzugiurnu.

In po’ de ripòsu e de suppa,
da amiga chà gusse d’amû.

  Traduzione in italiano

Gocce d'amore
Si sgranano (=sgrona) dai tronchi (=brasse) degli olivi (=ovive)
foglioline che cadono (=cazze) nel fuoco (=fêugo)
della terra (=tâera) triste che si spacca (=scciappa).

Fanfara (=fanfora) di mille cicale (=çigoe)
che dentro le fiamme (=sciame) del sole
si spande e confonde (cunfunde) il paesaggio.

Muore filo per filo l’erbetta
la vita si asciuga (=sciuga) del mondo
prima pieno di frescura e speranze.

Ma dentro l’arsura (=arsùa) infinita (=infïnïa)
piove (=ciêuve) improvvisamente dal cielo
un suono di campane- che insieme
gridano (=crïa) che è mezzogiorno.

Un po’ di riposo e di cibo (=suppa),
dalla amica (=amiga) casa (=chà) gocce (=gusse) di amore.

Scritta il 14 ed il 15 luglio 1953



Poesia inviata da: Luigi Panero da Leua


Viaggi, destinazioni turismo e avventura


dialettando.com © 2003-2019 Simonelli Editore Srl - Golem100 Srl - All rights reserved | Contatti