Proverbi | Poesie | Racconti | Articoli | Dizionario | Ricette | Mobile | BackOffice e Registrazione | Contatti | Home 
PAROLA
IN
Dialettando.com



Le Regioni
Abruzzo
Basilicata
Calabria
Campania
Emilia Romagna
Friuli Venezia Giulia
Lazio
Liguria
Lombardia
Marche
Molise
Piemonte
Puglia
Sardegna
Sicilia
Toscana
Trentino Alto Adige
Umbria
Valle d'Aosta
Veneto
Canton Ticino
Corsica



Marche
Pasta e ceci della Moja
Regione: Marche

Il cece precedentemente tenuto a bagno si pone a cuocere in una pentola contenente abbondante acqua fredda, rosmarino e aglio.

Nel frattempo si impasta la farina con acqua e sale per ottenere una pasta ben soda dalla quale si otterranno, una volta spianata a sfoglia non troppo sottile, delle tagliatelle di un centimetro di larghezza.

Nel momento di andare a tavola si cuoce la pasta in acqua salata, si scola dall’acqua di cottura, si pone in un grande piatto profondo, vi si unisce una certa quantità di cece, si mescola il tutto unendo olio di oliva di frantoio, un poco di brodo di cottura del cece affinché la pasta non si appiombi e una buona pizzicata di pepe.

La pasta deve essere preparata con qualche ora di anticipo, affinché la sfoglia possa ben asciugare.

Terminato il lavoro della vendemmia, la nostra massaia pensa di farsi dare dal cantiniere della famiglia il mosto ottenuto dalla pigiatura della migliore uva, la più matura e la più zuccherina.

Note: Ricetta tradizionale di Moie e del suo circondario.
"Il sapore dei ricordi
di Maria Antonietta Roccetti - Pasta e cece della Moja"

  Ingredienti

Ceci,
rosmarino,
aglio,
olio di oliva,
pizzico di pepe,
mosto di uva.





Viaggi, destinazioni turismo e avventura


dialettando.com © 2003-2019 Simonelli Editore Srl - Golem100 - All rights reserved | Contatti