Proverbi | Poesie | Racconti | Articoli | Dizionario | Ricette | Mobile | BackOffice e Registrazione | Contatti | Home 
PAROLA
IN
Dialettando.com



Le Regioni
Abruzzo
Basilicata
Calabria
Campania
Emilia Romagna
Friuli Venezia Giulia
Lazio
Liguria
Lombardia
Marche
Molise
Piemonte
Puglia
Sardegna
Sicilia
Toscana
Trentino Alto Adige
Umbria
Valle d'Aosta
Veneto
Canton Ticino
Corsica



Campania
E già… è Natale
E' ancora Natale quando gravi tormenti lacerano il nostro corpo e la nostra anima e ci fanno sprofondare nell'abisso della disperazione? Eppure...

Dialetto: Campania

E già… è Natale
Che bello stu cielo stanotte!
Miezo a nu manto ê stelle lucente
‘n’angiulicchio, biato, s’abbrazza â luna
r’argiento mente attuorno ‘na morra
‘e strumiente sona cuntenta
p’’o Bambeniello. E già… è Natale.
‘O viento carreja sti nnote
e pe ‘nu mumento surtanto i core
se scordeno ‘e ppene p’’a ggioia
‘e stu fatto reale.

“Però, Marì, tu ‘o ssaje ca n’abbasta
‘na museca angelica, ‘na capanna,
‘nu munnu ê pacchette all’abbete,
luce e lucette sbrennente
pe fa veramente Natale!
E quanno mille penziere e mille
cchiuove spuntute t’arravoglieno ’a capa
comm’a curona ê cristencroce
quanno ‘a vita, scura, te fa sputà lacreme
amare - dimme tu - è ancora Natale?”.

“Eh, core mio, tu hai raggione,
ma si tutte ‘nzieme ‘a porta do’ core
e da’ speranza tenimmo spalancata,
si nce facimmo purtà
-comme i pasture cu ’a cumeta-
fino ô Bambino, forse sulo tanno
nce scetammo d’ô sprufunno cchiù funno
e capimmo ‘a meraviglia vera do’ Natale”.

‘Na morra ‘e strumiente sona luntano
‘o viento int‘’o core carreja sti nnote …
È Natale ancora.

Natale 2008 Rosalia D’Ambrosio

  Traduzione in italiano

E già... è Natale
Quanto è bello il cielo stanotte!
Fra un manto di stelle lucenti
un angioletto, beato, abbraccia la luna
d’argento mentre intorno uno stuolo
di strumenti suona gioioso
per il Bambinello. E già… è Natale.
Il vento diffonde le note
e per un momento soltanto i cuori
accantonano crucci e tormenti
per la gioia di questo evento reale.

“Però, Maria, tu sai bene che non basta
una musica celestiale, una capanna,
una miriade di doni appesi all’abete,
luci e lucine splendenti
per fare un vero Natale .
E quando mille pensieri e mille
chiodi appuntiti ti cingon la testa
come la corona di Cristo in croce
quando la vita, triste, ti fa versare lacrime
amare - dimmi tu- è ancora Natale?”

“Cuore mio, tu hai ragione,
ma se tutti insieme spalanchiamo
la porta del cuore e della speranza
se ci lasciamo guidare
- come i pastori con la cometa -
fino al Bambino, forse solo allora ci sveglieremo
dal buio profondo e comprenderemo
la meraviglia vera del Natale”.

Un concerto di musica vien da lontano
il vento accoglie le note e al cuore le affida …
È Natale ancora.



Poesia inviata da: Rosalia D'Ambrosio


Viaggi, destinazioni turismo e avventura


dialettando.com © 2003-2019 Simonelli Editore Srl - Golem100 Srl - All rights reserved | Contatti