Proverbi | Poesie | Racconti | Articoli | Dizionario | Ricette | Mobile | BackOffice e Registrazione | Contatti | Home 
PAROLA
IN
Dialettando.com



Le Regioni
Abruzzo
Basilicata
Calabria
Campania
Emilia Romagna
Friuli Venezia Giulia
Lazio
Liguria
Lombardia
Marche
Molise
Piemonte
Puglia
Sardegna
Sicilia
Toscana
Trentino Alto Adige
Umbria
Valle d'Aosta
Veneto
Canton Ticino
Corsica



Veneto
'E PROMESSE DE I POITICI
Siamo in vista delle elezioni e un candidato, a un suo comizio, chiede di essere votato, in quanto ha intenzione di realizzare una pastiglia , la memorina, per quei politici che immancabilmente non ricordano quanto promettonoin campagna elettorale. Egli vince, ma i cittadini non vedono realizzato ciò che aveva promesso. Quando gli chiedono di quella sua pastiglia risponde di essersi dimenticcato.

Dialetto: Veneto

'E PROMESSE DE I POITICI
Uno,co'e carte in regoea,a un comissio
el parla e el predica da essar votà,
ché pa' i poitici desmentegòni
na pastilia el ga in mente che de nome
e de fato, par tuti "memorìna"
ea sarà; promete anca, come i altri,
e strade e progresso e inovassion,
se lu, co i soi, vinserà 'e elession.
El vinse e i ani passa e tuto quel
che prometùo gaveva no se vede.
Cò i ghe domanda che fine ga fato
quea memorina che 'l gavea pensà,
dise " Ostrega, me son desmentegà!"

  Traduzione in italiano

LE PROMESSE DEI POLITICI
Un tale,con le carte in regola,ad un comizio
parla e chiede di essere votato,
perché per i politici smemorati
ha in mente una pastiglia che di nome
e di fatto, per tutti “memorina”
sarà; promette inoltre, come gli altri,
e strade, e progresso e innovazioni,
se lui, con il suo seguito, vincerà le elezioni.
Vince e gli anni passano e tutto ciò
che aveva promesso non si vede.
Quando gli chiedono che fine abbia fatto
quella memorina a cui aveva pensato,
dice “Caspita, mi sono dimenticato!”



Poesia inviata da: Attilio Scremin


Viaggi, destinazioni turismo e avventura


dialettando.com © 2003-2019 Simonelli Editore Srl - Golem100 Srl - All rights reserved | Contatti