Proverbi | Poesie | Racconti | Articoli | Dizionario | Ricette | Mobile | BackOffice e Registrazione | Contatti | Home 
PAROLA
IN
Dialettando.com



Le Regioni
Abruzzo
Basilicata
Calabria
Campania
Emilia Romagna
Friuli Venezia Giulia
Lazio
Liguria
Lombardia
Marche
Molise
Piemonte
Puglia
Sardegna
Sicilia
Toscana
Trentino Alto Adige
Umbria
Valle d'Aosta
Veneto
Canton Ticino
Corsica



Veneto
PIANTO ANTICO
Si tratta della traduzione in dialetto veneto (trevigiano-crespanese)della toccante poesia che Giosuè Carducci scrisse in occasione della morte del suo piccolo figlio. E' stata rispettata la metrica, non la rima.

Dialetto: Veneto

PIANTO ANTICO
L'albaro che 'a manina
toa ciapar voeva,
el verde pongranà,
co i so bei rossi fior,
ne l'orto abandonà
xe tornà verde adesso
e giugno el l'indora
de euce e de caeor.

Ti fior de sta me pianta
sbatùa e rinsechìa,
ti de sta vita inutie
ultimo e unico fior,
te sì inte 'a tera freda,
te sì inte 'a tera nera;
pì no te ridi al sol
nè lu te sveja, amor.

  Traduzione in italiano

PIANTO ANTICO
L'albero a cui tendevi
la pargoletta mano,
il verde melograno
da' bei vermigli fior,
nel muto orto solingo
rinverdì tutto or ora
e giugno lo ristora
de luce e di calor.

Tu fior de la mia pianta
percossa e inaridita,
tu de l'inutil vita
estremo unico fior,
sei ne la terra fredda,
sei ne la terra negra;
nè il sol più ti rallegra
nè ti risveglia amor.



Poesia inviata da: Attilio Scremin


Viaggi, destinazioni turismo e avventura


dialettando.com © 2003-2019 Simonelli Editore Srl - Golem100 Srl - All rights reserved | Contatti