Proverbi | Poesie | Racconti | Articoli | Dizionario | Ricette | Mobile | BackOffice e Registrazione | Contatti | Home 
PAROLA
IN
Dialettando.com



Le Regioni
Abruzzo
Basilicata
Calabria
Campania
Emilia Romagna
Friuli Venezia Giulia
Lazio
Liguria
Lombardia
Marche
Molise
Piemonte
Puglia
Sardegna
Sicilia
Toscana
Trentino Alto Adige
Umbria
Valle d'Aosta
Veneto
Canton Ticino
Corsica



Veneto
I FANTASMI AMOROSI
Una sposa, ancora bella, ma avanti con gli anni, rievocati dai luoghi, ricorda i molteplici amori della sua giovinezza. Ora non le resta che un piacevole ricordo.

Dialetto: Veneto

I FANTASMI AMOROSI
O sposa, bea sposa
che in mente te ghe
tresento amori,
o sol spasimanti
del tempo dei fior.

Se l'ocio te giri,
te trovi el ricordo
de vosi e paroe,
de schersi e risate
dei dì de e'amor.

De mira ciapai
dal Puto co e'arco
co 'e frece inbevue
d'anbrosia e morbin
e tanto doeor,

ne 'a sorte i sperava,
e forse i sognava
da essar tocai,
sol anca sfiorai,
da 'l to gran splendor.

Ma, come sul palco,
finisse 'a comedia:
i dì se scavalca,
de 'a storia finia
te resta na luce
che te fa conpagnia.

  Traduzione in italiano

I FANTASMI AMOROSI
O sposa, sposa bella,
che hai in mente
trecento amori,
o solo spasimanti,
del tempo dei fiori,

se giri l'occhio,
trovi il ricordo
di voci e parole,
di scherzi e risate
dei giorni dell'amore.

Di mira presi
dal Puto con l'arco
dalle frecce imbevute
d'ambrosia e di voglie
e tanto dolore,

(soggetto: gli amori)
nella sorte speravano,
e forse sognavano
di essere investiti,
o solo anche sfiorati,
dal tuo grande splendore.

Ma, come sul palco,
finita è la commedia:
i giorni passano via,
della storia finita
ti rimane una luce
che (ti) fa compagnia.



Poesia inviata da: Attilio Scremin


Viaggi, destinazioni turismo e avventura


dialettando.com © 2003-2019 Simonelli Editore Srl - Golem100 Srl - All rights reserved | Contatti