Proverbi | Poesie | Racconti | Articoli | Dizionario | Ricette | Mobile | BackOffice e Registrazione | Contatti | Home 
PAROLA
IN
Dialettando.com



Le Regioni
Abruzzo
Basilicata
Calabria
Campania
Emilia Romagna
Friuli Venezia Giulia
Lazio
Liguria
Lombardia
Marche
Molise
Piemonte
Puglia
Sardegna
Sicilia
Toscana
Trentino Alto Adige
Umbria
Valle d'Aosta
Veneto
Canton Ticino
Corsica



Veneto
forestier
poesia nella parlata di Fossalta di Piave (VE) scritta negli anni '60 prima di partire, come molti italiani, verso la Svizzera in cerca di una condizione di vita migliore di quella che offriva l'Italia del dopoguerra.

Dialetto: Veneto

forestier
Ormai è note; 'ncora
qualche pas e me sentarae,
strac, sul vagón
che 'l me portarà in un paese
forestier. Stae
par 'ndar su: no è nissun
co mi, e co mi no ò voeù nissun
parché 'a me partentha
no 'a fusse pì bruta.

Adès el treno
el parte - e me vede
'na onbrìa - 'a vien vanti
pian pian, scura.
No 'a è 'na onbrìa:
ne 'a só picoea figura
eco vignìr fòra me mare che 'a vien
vanti, pianzendo, verso
só fiól che 'l sta par 'ndar vìa.

  Traduzione in italiano

straniero
È notte, ormai; ancora
pochi passi e mi siederò,
stanco, sul vagone
che mi porterà in un paese
straniero. Sto
per salire: non c'è nessuno
con me e non ho voluto nessuno
perché la partenza
non fosse più triste.

Adesso il treno
parte - e scorgo
un'ombra - avanza lentamente nell'oscurità.
Non è un'ombra: nella sua piccola figura
ecco comparire mia madre
che avanza, piangendo, verso
suo figlio che sta partendo.



Poesia inviata da: Federico Crico


Viaggi, destinazioni turismo e avventura


dialettando.com © 2003-2019 Simonelli Editore Srl - Golem100 - All rights reserved | Contatti