Proverbi | Poesie | Racconti | Articoli | Dizionario | Ricette | Mobile | BackOffice e Registrazione | Contatti | Home 
PAROLA
IN
Dialettando.com



Le Regioni
Abruzzo
Basilicata
Calabria
Campania
Emilia Romagna
Friuli Venezia Giulia
Lazio
Liguria
Lombardia
Marche
Molise
Piemonte
Puglia
Sardegna
Sicilia
Toscana
Trentino Alto Adige
Umbria
Valle d'Aosta
Veneto
Canton Ticino
Corsica



Basilicata
Lo friscarulièddo
Lo strumento a fiato più antico del mondo. Bastava soffiare in un pezzo di canna schiacciata alla punta per ottenere un suono. Dalla sua evoluzione è nato il flauto.

Dialetto: Basilicata

Lo friscarulièddo
'nNanti 'nna carcàra re fuoco
c'ardìa a la focàgna
inta 'nna serata re vierno,
si te 'mpingìa 'nnanti
'nno streppòne re canna,
si nun avivi nient'àto re meglio ra fa,
nge 'ngiarmavi 'nno friscarulièddo.

Cco lo spito,
'mbocato inta la vrasa,
nge facivi quatto bbuca 'nnanti
rui arreto e putivi sonà
dde nenie ca t'addobbiavano
prima re te ì a 'nselecà
inte dde lenzola chiatrate
ca 'nna grasta rossa re fuoco
a stiento le scarfava.

  Traduzione in italiano

Lo zufolo
Davanti ad un mucchio di fuoco
che ardeva al focolare
in una serata d'inverno,
se ti si parava davanti
un pezzo di canna,
se non avevi di meglio da fare
vi armavi uno zufolo.

Con lo spiedo,
infuocato alla brace,
vi facevi quattro buca davanti
due dietro e potevi suonare
quelle nenie che ti addormentavano
prima di andarti ad infilare
tra le lenzuola ghiacciate
che un mattone rosso di fuoco
a tento riscaldava.



Poesia inviata da: Giuseppe De Vita


Viaggi, destinazioni turismo e avventura


dialettando.com © 2003-2019 Simonelli Editore Srl - Golem100 Srl - All rights reserved | Contatti