Proverbi | Poesie | Racconti | Articoli | Dizionario | Ricette | Mobile | BackOffice e Registrazione | Contatti | Home 
PAROLA
IN
Dialettando.com



Le Regioni
Abruzzo
Basilicata
Calabria
Campania
Emilia Romagna
Friuli Venezia Giulia
Lazio
Liguria
Lombardia
Marche
Molise
Piemonte
Puglia
Sardegna
Sicilia
Toscana
Trentino Alto Adige
Umbria
Valle d'Aosta
Veneto
Canton Ticino
Corsica



Veneto
[Ziralda bela, a t'hè vezù a ballare...]
Un composizione in antico pavano di Giambattista Maganza (El Magagnò)(Padova 1510 - Vicenza 1586)

Dialetto: Veneto

[Ziralda bela, a t'hè vezù a ballare...]
Ziralda bela, a t'hè vezù a ballare,
e de zenàro soto al to bel pé
nascer tanti fioriti, che 'l no gh'è
bruolo d'avrile che i saésse fare:

ca dì' che 'l visinello sàpia anàre
incerca, e sì leziero con te vè;
a cherzo, se te vuo', te ballarè,
senza bagnarte, inchin per sora el mare.

E seànto ivelò a quell'acqua in cima
te sentirissi agnón criar: - L'è quella
che in lo mare nascé fuor de la sbima -.

Co' se ve' in cielo la boara stella
infra tutte le altre esser la prima,
cossì ti e' al mondo an' ti, Ziralda bella.




  Traduzione in italiano

[Giralda bella, ti ho vista ballare...]
Giralda bella, ti ho vista ballare,
e a gennaio sotto al tuo bel piede
nascere tanti piccoli fiori, che non c'è
brolo d'aprile che li sappia fare:

Dì tu se il mulinello saprebbe andare
in giro così, e leggero, come tu vai!
Credo che, se tu lo vuoi, potresti ballare
senza mai bagnarti, fin sopra il mare.

Ed essendo lì, sospesa su quell'acqua
udiresti gridare ognuno: - Lei è quella
che fuor dalla schiuma nacque in mare -.

Come si vede nel cielo Venere
fra tutte le altre stelle esser la prima,
così al mondo anche tu, Giralda Bella.




Poesia inviata da: Giambattista Maganza


Viaggi, destinazioni turismo e avventura


dialettando.com © 2003-2019 Simonelli Editore Srl - Golem100 - All rights reserved | Contatti