Proverbi | Poesie | Racconti | Articoli | Dizionario | Ricette | Mobile | BackOffice e Registrazione | Contatti | Home 
PAROLA
IN
Dialettando.com



Le Regioni
Abruzzo
Basilicata
Calabria
Campania
Emilia Romagna
Friuli Venezia Giulia
Lazio
Liguria
Lombardia
Marche
Molise
Piemonte
Puglia
Sardegna
Sicilia
Toscana
Trentino Alto Adige
Umbria
Valle d'Aosta
Veneto
Canton Ticino
Corsica



Veneto
Dove el siélo
poesia in lingua veneziana di uno dei massimi poeti del Novecento di questa città.

Dialetto: Veneto

Dove el siélo
(da "El putelo e 'l fiume")

Massé i poeti, quei fiói de bone dòne!
Se no podé capirli o asetarli, masséi.
Ma fé in pressa. I ga mièra de vite,
che se per sbàlio ùn ghe ne resta in pìe,
zé come se i restasse in pìe tuti quanti.
Fé come i faséva co i s'ciavi, nel mar grando,
per no farse nasar, per no dovér rènder razón.
Ligài l'un l'altro a fil de caéna,
el mar se i beveva fin a l'ultimo,
e po 'l serava co piasér i lavri.

Vu dizé scuro, e lori i dize ciarìa,
vu dizé rabia, e lori sentimento,
vu sventolé violensa, e lori la cosiénsa,
vu sighé fa i lóvi, e lori i canta fa i rossignòi,
vu robé a strangolón, e lori sempre i ve dóna,
vu adoré la morte, e lori ama el fià nóvo.
E cussì de fata. I fa maravégia.

Tagiarghe man e déi no serve a gnente.
I scrivarìa co i òci, dove el siélo
nel so viazo eterno el se reposa.


  Traduzione in italiano

Dove il cielo
(da "Il bambino e il fiume")

Uccidete i poeti, quei figli di buone donne...
Se non potete capirli o accettarli, uccideteli.
Ma fate presto. Hanno migliaia di vite,
che se per caso ne resta uno solo in piedi,
è come se restassero in piedi tutti.
Fate come facevano con gli schiavi, nell'oceano,
per non farsi sospettare, per non dover rendere conto.
Legati l'uno all'altro a filo di catena,
il mare se li beveva fino all'ultimo,
dopo di che chiudeva con piacere le labbra.

Voi dite buio, e loro dicono chiarità,
voi dite rabbia, e loro sentimento,
voi sbandierate la violenza, e loro la coscienza,
voi urlate come lupi, e loro cantano come usignoli,
voi rubate a man salva, e loro vi offrono sempre doni,
voi adorate la morte, e loro il respiro nuovo.
E così di questo passo. Sono meravigliosi.

Non serve a nulla tagliar loro mani e dita.
Scriverebbero con gli occhi, dove il cielo
nel suo eterno procedere si riposa.



Poesia inviata da: Attilio Carminati


Viaggi, destinazioni turismo e avventura


dialettando.com © 2003-2019 Simonelli Editore Srl - Golem100 Srl - All rights reserved | Contatti