Proverbi | Poesie | Racconti | Articoli | Dizionario | Ricette | Mobile | BackOffice e Registrazione | Contatti | Home 
PAROLA
IN
Dialettando.com



Le Regioni
Abruzzo
Basilicata
Calabria
Campania
Emilia Romagna
Friuli Venezia Giulia
Lazio
Liguria
Lombardia
Marche
Molise
Piemonte
Puglia
Sardegna
Sicilia
Toscana
Trentino Alto Adige
Umbria
Valle d'Aosta
Veneto
Canton Ticino
Corsica



Puglia
Frisella
Regione: Puglia

Bisogna innanzitutto spiegare cos'è una frisella.
E' un tarallo di pasta cotto al forno di legna e sarmenti, a metà cottura viene tolto dal forno, tagliato a metà e riinfornato per completarne la cottura.
Il risultato finale sono due crostoni col buco al centro, questo perchè era un pane da viaggio a lunga conservazione che si trasportava infilandone parecchie in una cordicella per appenderle.
La farina deve essere integrale di grano o meglio, la più tradizionale, di orzo. C'è una grande disputa tra gli estimatori della parte superiore, più morbida, e la parte inferiore più callosa.

Passiamo alla sua preparazione.
Bagnare la Frisella in acqua; non molto perché si ammorbidirà ancora durante la preparazione.
Spremere sulla frisella 2 o tre pomodorini e spezzettarne il resto. I pomodori dovrebbero essere quei pomodorini pugliesi, asciutti, asciutti, coltivati in terreni sabbiosi, vicini al mare, quindi cresciuti senz'acqua e già salati. Condire con giusto sale e origano quindi con abbondante olio.
In inverno non essendo disponibili i pomodori freschi, almeno un tempo, si usano i pomodori appesi, sia quelli gialli che quelli rossi, preferibili questi.

  Ingredienti

Frisella 1 o 2
Olio Extra Vergine di Olive del Tarantino
Pomodori a fiaschetto 4 o 5
Origano q.b.
Sale fino q.b.



Ricetta inviata da: Domenico Modarelli


Viaggi, destinazioni turismo e avventura


dialettando.com © 2003-2019 Simonelli Editore Srl - Golem100 - All rights reserved | Contatti