Proverbi | Poesie | Racconti | Articoli | Dizionario | Ricette | Mobile | BackOffice e Registrazione | Contatti | Home 
PAROLA
IN
Dialettando.com



Le Regioni
Abruzzo
Basilicata
Calabria
Campania
Emilia Romagna
Friuli Venezia Giulia
Lazio
Liguria
Lombardia
Marche
Molise
Piemonte
Puglia
Sardegna
Sicilia
Toscana
Trentino Alto Adige
Umbria
Valle d'Aosta
Veneto
Canton Ticino
Corsica



Basilicata
Agriddo e Bambulieddo
I due ragazzi emigranti portano il loro nomignolo "Agriddo" (Grillo) e "Bambulieddo" (Bambolotto). Partirono dal paese con la testa colma di sogni. Sogni che s'infransero...

Dialetto: Basilicata

Agriddo e Bambulieddo
Parìano frati,
sbattuti ra 'nna vita re stienti
e restàro criatùri
semp'a corre arret'a 'nno suonno.

Bambulieddo
se sonnava 'nna fèmmena,
ca fosse 'nna fèmmena
ca lo facesse sente òmmene
inta dde brazza ianche
e se nge potess'addorme
com'a 'nno ninno zico.

Agriddo
ca r'abbastava
re se mette 'ncuoddo
'nno giubbotto re pelle fenta
cco stampat'arreto 'nn'aquilotto
ppe se sente 'ncopp'a 'nna moto
a fa lo puliziott'a Brooklynn
com'a 'nn'eroe re cinema.

Ddi suonni
cchiù gruossi re loro
le stutàro cam'a cannèle
inta 'nna pecundrìa
c'addeventava cchiù cocente
inta la nottata e manco nge la facìa
'nna nènia cilentana
a fare piglià suonno.

Se nne ièro
inta 'nno iuorno re festa
cco le campane ca no sonàro a muorto.
Quarche gghiuorno
prima re murì, Agriddo,
'mbreiàco sott'a le luci re la festa
se cantava sulo sulo
"rosse rosse per te".

  Traduzione in italiano

Agriddo e Bambulieddo
Sembravano fratelli
con in comune una vita di stenti
e restarono bambini
sempre a rincorrere un sogno.

Bambulieddo
si sognava una femmina
che fosse una femmina
che lo facesse sentire uomo
in quelle braccia bianche
e vi si potesse addormentare
come un bimbo piccolo.

Agriddo
cui bastava
di indossare
un giubotto di pelle finta
con tampato dietro un aquilotto
per sentirsi su una moto
a fare il poliziotto a Brooklynn
come un eroe di cinema.

Quei sogni
più grandi di loro
li spensero come candele
in una malinconia
che diventava più cocente
nella nottata e nemmeno bastava
una nenia cilentana
a far loro prendere sonno.

Morirono
in un giorno di festa con
le campane che non batterono a morto.
Qualche giorno
prima di morire, Agriddo,
ubriaco, sotto le luminarie della festa
si cantava solo solo
"rose rosse per te".






Poesia inviata da: Giuseppe De Vita


Viaggi, destinazioni turismo e avventura


dialettando.com © 2003-2019 Simonelli Editore Srl - Golem100 Srl - All rights reserved | Contatti