Proverbi | Poesie | Racconti | Articoli | Dizionario | Ricette | Mobile | BackOffice e Registrazione | Contatti | Home 
PAROLA
IN
Dialettando.com



Le Regioni
Abruzzo
Basilicata
Calabria
Campania
Emilia Romagna
Friuli Venezia Giulia
Lazio
Liguria
Lombardia
Marche
Molise
Piemonte
Puglia
Sardegna
Sicilia
Toscana
Trentino Alto Adige
Umbria
Valle d'Aosta
Veneto
Canton Ticino
Corsica



Liguria
Sampedænn-a
A volte è davvero difficile tornare dove abbiamo tanti ricordi! Sampierdarena è una delegazione di Genova.

Dialetto: Liguria

Sampedænn-a
Sampedænn-a, ti më ca-a,
se strenzo i euggi me riveddo
in te teu creuse a passeggiâ.

Me riveddo scignorinn-a
camminâ pinn-a de sô
in te na teu bella stradinn-a
a braççetto a-o primmo amô,

e risento e stilettæ
do dolore e da pascion
de quande me strenzéivo in cheu
a mæ primma deluxion.

E riveddo a mæ bûttega,
ghé mæ mamma lì in sciä porta
che a me rïe e a me saluta:
ma chi ha dïïto chea lé morta?

Veddo là in ciassa Montan
in sce quella bella giostrinn-a
o mæ figgieu piccin cho gïa,
e o me fà ciao co-a magninn-a.

Ca-a mæ dôçe Sampedænn-a
sento e lägrime sguggiâ,
ti ö veddi mì no posso
in te teu stradde ritornâ,

forse un giorno ghe saiö,
quande o Segnô o vorriâ
saiö ancon in te teu creuse
con mæ mamma a passeggiâ.

Öa ti devi perdonäme
se passo sempre co-o spresciòn,
no ho o coraggio de fermäme,
lé troppo forte lemosciòn,

in ogni ciassa, ogni recanto,
ghé a mæ zoentù ormai passä,
ghé un ricordo, ghé un rincianto:
Sampedænn-a, ti më ca-a.


Dialetto Genovese

  Traduzione in italiano

Sampierdarena
Sampierdarena, mi sei cara,
se chiudo gli occhi mi rivedo
nelle tue strade a passeggiare.

Mi rivedo signorina
camminare piena di sole
in una tua bella stradina
a braccetto al primo amore,

e risento le stilettate
del dolore e della passione
di quando mi stringevo in cuore
la mia prima delusione.

E rivedo la mia bottega,
cè mia mamma lì sulla porta
che sorride e mi saluta:
ma chi ha detto che è morta?

Vedo là in piazza Montano
su quella bella giostrina
mio figlio piccolino che gira
e mi fa ciao con la manina.

Cara mia dolce Sampierdarena
sento le lacrime scivolare,
tu lo vedi io non posso
nelle tue strade ritornare,

forse un giorno ci sarò,
quando il Signore vorrà
sarò ancora nelle tue strade
con mia mamma a passeggiare.

Ora devi perdonarmi
se passo sempre con il fiatone,
non ho il coraggio di fermarmi,
è troppo forte lemozione,

in ogni piazza, ogni angolo,
cè la mia gioventù ormai passata,
cè un ricordo, cè un rimpianto:
Sampierdarena, mi sei cara.



Poesia inviata da: Alba Toscanini


Viaggi, destinazioni turismo e avventura


dialettando.com © 2003-2019 Simonelli Editore Srl - Golem100 - All rights reserved | Contatti