Proverbi | Poesie | Racconti | Articoli | Dizionario | Ricette | Mobile | BackOffice e Registrazione | Contatti | Home 
PAROLA
IN
Dialettando.com



Le Regioni
Abruzzo
Basilicata
Calabria
Campania
Emilia Romagna
Friuli Venezia Giulia
Lazio
Liguria
Lombardia
Marche
Molise
Piemonte
Puglia
Sardegna
Sicilia
Toscana
Trentino Alto Adige
Umbria
Valle d'Aosta
Veneto
Canton Ticino
Corsica



Basilicata
La mènola
Possono delle casupole in un piccolo centro storico lanciare un grido di dolore per la sorte di un mandorlo centenario? In poesia possono.

Dialetto: Basilicata

La mènola
A lo paese, inta lo vico,
ng'erano quatto casi
ca stìano 'mpieri
appoggiannose l'una a l'ata,
se strngìano re cchiù
quanno, forte, menava lo viento.
S'aprìano po'
e sbalancavano le fenestre
a li primi suli re primavera.

'mMiezz'a dde quatto mura
int'a 'nna vrènzola re terra,
'nn'urticieddo ng'era 'ncastrato
e 'ncopp'a 'nno viecchio muro
'nna mènola vecchia,
com'a dde mura, ca puntuale,
com'a 'nna 'nnammorata
a marzo se vestìa re ianco,
ppe l'aucieddi,
portanno aria re Pasqua.

Po' venette 'nno patrone nuovo
ma viecchio inta,
e dd'orticieddo, 'nno bello iuorno,
cco 'nna ruspa lo rrevotào,
dda mènola centenara srarecào
e nge piazzào 'nno garage,
'nna barracca re blocchi re cemento.

Scomparèro dd'aucieddi,
li cumpagnièddi re la mènola.
Le quatto casi
mai cchiù rirèro e, a la sera,
sempe se ricìano: che nge stàmo a fa
senza la mènola, vulìmo murì,
levàtinge ra miezzo puri a nui.

  Traduzione in italiano

Il mandorlo
Nel vicolo, al paese,
c'erano quattro case
che stavano in piedi
appoggiandosi l'unlaltra,
si stringevano di più
quando, forte, tirava il vento.

Si aprivano
e si spalancavano le finestre
ai primi soli di primavera.
In mezzo a quelle quattro mura,
in un fazzoletto re terra,
era incastonato un piccolo orto
e su di un vecchio muro
un vecchio mandorlo
come quelle mura,
che puntuale, come un'innamorata
a marzo si vestiva di bianco,
per gli uccelli,
portando aria di Pasqua.

Un gorno venne
un padrone nuovo,
ma vecchio dentro,
e da quell'orto
con una ruspa smosse la terra
sradicò quel mandorlo centenario
e vi costruì un garage,
una baracca di blocchi di cemento.

Scomparvero gli uccelli,
i compagni del mandorlo.
Le quattro case
mai più sorrisero e, a sera
sempre dicevano: che ci stiamo a fare
senza il mandorlo, vogliamo morire,
toglieteci di torno pure a noi!



Poesia inviata da: Giuseppe De Vita


Viaggi, destinazioni turismo e avventura


dialettando.com © 2003-2019 Simonelli Editore Srl - Golem100 - All rights reserved | Contatti