Proverbi | Poesie | Racconti | Articoli | Dizionario | Ricette | Mobile | BackOffice e Registrazione | Contatti | Home 
PAROLA
IN
Dialettando.com



Le Regioni
Abruzzo
Basilicata
Calabria
Campania
Emilia Romagna
Friuli Venezia Giulia
Lazio
Liguria
Lombardia
Marche
Molise
Piemonte
Puglia
Sardegna
Sicilia
Toscana
Trentino Alto Adige
Umbria
Valle d'Aosta
Veneto
Canton Ticino
Corsica



Basilicata
La molenara
Le disavventure di un chicco di grano tra le macine di un vecchio mulino ad acqua. Rivive un antico mestiere: la molinara.

Dialetto: Basilicata

La molenara
A le sei re la matìna
e a le cingo re la sera,
ogni gghiuorno, ìa
la molenara a lo mulino a macenà.

Ppe chedd'ore (sera e matina)
la pischèra era 'ntomma r'acqua.

Quanno tutt'era pronto
ppe la prima macenàta
cco nnu segnale
facì'aprì la saiettèra
a lo capo re la pischèra.

'Ncopp'add'arcate la furia
re l'acqua int'a ddo cunnutto
a ciel'apierto
facìa 'nno remore re iumo
c'addeventava remore re sseffùnno
quanno inta dda torre cava,
a forma re muto, s'arravogliava
ppe se ì a ghiettà, friscànno,
'ncopp'a dde pale re 'nna rota grossa,
ca mittia 'mmoto, veloce,
'nna rota zeca, ca facìa rociolà
'nna macena re petra, 'nguattata
'ncopp'a n'ata macena,
fissa, a panz'annària.

Attramente, l'acena re grano
s'abbiàvano ra lo muto zico, re leona,
e, r'ammienzo e ra coppa
se 'nselecàvano inta le doie màcene.

St'àcena re grano, cercànno
r'èsse ra ddo 'mbruoglio,
vivìano scamazzati e dda specie
re petròccole gialle
addeventavano pòleve ianca,
ianca come lo latte e fina fina
c'addorava re pane.

Sta pòleve sbenduliàva, carenno
inta 'nno sacco re tela e ppe l'aria
ogni cosa tingìa re ianco,
puri li capiddi re la molenara
c'ancora zòria, nonnema parìa.

  Traduzione in italiano

La molinara
Alle sei di mattina
e alle cinque della sera,
ogni giorno, andava
la molinara al mulino a macinare.

Per quelle ore (sera e mattina)
la peschiera era colma d'acqua.

Quando tutto era pronto
per la prima macinata
con un segnale
faceva aprire la saracinesca
al capo della peschiera.

Sopra quelle arcate la furia
dell'acqua in quel condotto
a cielo aperto
faceva un rumore di fiume
che diventava rumore di cascata
quando in quella torre cava,
a forma d'imbuto, si aggrovigliava
per andarsi a gettare, fischiando,
sopra le pale di una ruota grande,
che metteva in movimento, veloce,
una ruota piccola, che faceva rotolare
una macina di pietra, sistemata
sopra un'altra macina,
fissa, a pancia in aria.

Nel frattempo, i chicchi di grano
scendevano dalla tramoggia di legna,
e dal mezzo e da sopra
s'infilavano tra le due macine.

Questo chicchi di grano, cercando
di uscire da quella trappola,
venivano macinati e quella sorta
di pietruzze gialle
si trasformavano in polvere bianca,
bianca come il latte e impalpabile
che profumava di pane.

Questa polvere si spandeva per aria,
cadendo in un sacco di tela
e ogni cosa tingeva di bianco,
anche i capelli della molinara
che ancora ragazza, sembrava mia nonna.




Poesia inviata da: Giuseppe De Vita


Viaggi, destinazioni turismo e avventura


dialettando.com © 2003-2019 Simonelli Editore Srl - Golem100 Srl - All rights reserved | Contatti