Proverbi | Poesie | Racconti | Articoli | Dizionario | Ricette | Mobile | BackOffice e Registrazione | Contatti | Home 
PAROLA
IN
Dialettando.com



Le Regioni
Abruzzo
Basilicata
Calabria
Campania
Emilia Romagna
Friuli Venezia Giulia
Lazio
Liguria
Lombardia
Marche
Molise
Piemonte
Puglia
Sardegna
Sicilia
Toscana
Trentino Alto Adige
Umbria
Valle d'Aosta
Veneto
Canton Ticino
Corsica



Calabria
U Ciucciareddru
Molto spesso vogliamo imitare gli altri senza averne lo spessore.

Dialetto: Calabria

U Ciucciareddru
Nu ciucciareddro na matina quannu s’é rivigneto
prima é guardeto u cielo e pò chepo suja e pinzeto:

“Guarda l’avuceddri cumi vulino cuntenti,
senza sarma coddru e vittichete

vulanno e candanno s’abbuschino a jurneta.
cusì puro je egghia fé, m’egghia mbaré a vulé”.

E i supa nu timpuno na matina
abbascio s’é jitteto u scugnureto

e quanno jé arriveto nderra cu na zotta
l’ossi s’é rutti e apanza s’é schatteta.

Si vuliti capì capisciti a capisciola
ca u ciuccio era purté a sarma mentre l’avuceddru vola.


  Traduzione in italiano

L'asinello
Un asinello una mattina quando si è risvegliato
prima ha guardato il cielo e poi nella sua testa ha pensato:

"Guarda gli uccelli come volano contenti,
senza soma addosso e bastonate

volando e cantando guadagnano la giornata.
Così pure io debbo fare, debbo imparare a volare".

E da sopra una timpa una mattina
giù si è buttato lo sciocco

e quando è arrivato a terra con un botto ,
le ossa si è rotte , e la pancia si è schiattata.

Se volete capire capite il detto
che il ciuccio deve portare la soma
mentre l'uccello vola.






Poesia inviata da: De Rosa Antonio


Viaggi, destinazioni turismo e avventura


dialettando.com © 2003-2019 Simonelli Editore Srl - Golem100 Srl - All rights reserved | Contatti