Proverbi | Poesie | Racconti | Articoli | Dizionario | Ricette | Mobile | BackOffice e Registrazione | Contatti | Home 
PAROLA
IN
Dialettando.com



Le Regioni
Abruzzo
Basilicata
Calabria
Campania
Emilia Romagna
Friuli Venezia Giulia
Lazio
Liguria
Lombardia
Marche
Molise
Piemonte
Puglia
Sardegna
Sicilia
Toscana
Trentino Alto Adige
Umbria
Valle d'Aosta
Veneto
Canton Ticino
Corsica



Campania
‘A benerezione di’ ccase
In un quadro che sa di primavera si inserisce la Pasqua di Resurrezione e la relativa benedizione delle case. Ma la solennità di questo rito ha perso oggi il suo fascino, considerata la velocità con cui esso si compie.

Dialetto: Campania

‘A benerezione di’ ccase
Pe nu mumento, arap’‘a fenesta ‘ncopp’ô passato
e m’appare chiaro ‘nu quatre ca sap’‘e primmavera.
‘Nu prufume d’anepeta nuvella aleggi’attuorno
e, liegge liegge, se spanne pe ll’aria.
È Pasca, è festa grande e se benericeno ‘e ccase.

Ogne pertuse è lustro, ogne angule è sbrennènte,
ogni ccosa addor’‘e pulizzia.
Se mette ‘u lenzule arricamato, ‘a manta
cchiù bbella do’ curredo,
se strécano ‘e rrame pi ffa lucente
e, finalmente, tutto è pronto pe l’avvenimento.

‘O vì lloco ‘o vì!
‘U campaniello scampaneja forte forte
‘ncopp’â Turretta quanno spunta ‘o prevete
e llà pe llà ’o vico s’ànema, s’àggeta, spàrpeta
mentre ‘o ncienzo, suave, se ‘nfila dint’ê ccase.

Nun c’è cche fa, ‘u rito è sulenne assaje:
l’acqua arriva a tutte i pparte
lascianno n’alone ‘e freschezza e santità.
E’ Pasca, è festa grande e se benericeno ‘e ccase.

Chiuco ‘a fenesta e torno ‘o ppresente.
Ma che veco?
‘O stesso rito passa quase inosservato: duje minute
annanz’’a porta, n’Avemmaria allestra allestra,
‘nu gloriapate e arrivederce ‘e sunatore.
È Pasca, se benericeno ‘e ccase, ma nun è cchiù festa grande!

Quartu S.Elena, settembre 2003

  Traduzione in italiano

La La benedizione delle case
Per un attimo spalanco la finestra sul mio passato
e mi appare chiaro un quadro che sa di primavera.
Un profumo di menta novella si spande intorno
e, leggero leggero, riempie l’aria.
È Pasqua, è festa grande e si benedicono le case.
Ogni buco è pulito, ogni angolo è splendente,
ogni cosa odora di pulizia.
Si mette il lenzuolo ricamato, la coperta
più bella del corredo,
si lucidano le stoviglie in rame
e, finalmente, tutto è pronto per l’avvenimento.

Eccolo, eccolo!
Il campanello suona forte
sulla Torretta quando spunta il prete
e subito il vicolo si anima, si agita, palpita
mentre l’incenso, soave, si intrufola nelle case.

È proprio vero, il rito è assai solenne:
l’acqua arriva dappertutto
lasciando un alone di freschezza e santità.
E’ Pasqua, è festa grande e si benedicono le case.

Chiudo la finestra e torno al presente.
Ma che vedo?
Lo stesso rito passa quasi inosservato: due minuti
davanti alla porta, un’Ave Maria veloce veloce,
un Gloria al Padre e arrivederci ai suonatori.
È Pasqua, si benedicono le case, ma non è più festa grande!




Poesia inviata da: Rosalia D'Ambrosio


Viaggi, destinazioni turismo e avventura


dialettando.com © 2003-2019 Simonelli Editore Srl - Golem100 - All rights reserved | Contatti