Proverbi | Poesie | Racconti | Articoli | Dizionario | Ricette | Mobile | BackOffice e Registrazione | Contatti | Home 
PAROLA
IN
Dialettando.com



Le Regioni
Abruzzo
Basilicata
Calabria
Campania
Emilia Romagna
Friuli Venezia Giulia
Lazio
Liguria
Lombardia
Marche
Molise
Piemonte
Puglia
Sardegna
Sicilia
Toscana
Trentino Alto Adige
Umbria
Valle d'Aosta
Veneto
Canton Ticino
Corsica



Marche
'IE' CCHI DA MAMETA
L'anziana madre desidera che il figlio,ormai adulto,trovi qualche momento per lei,facendole rivivere la gioia di quando lui era piccino.

Dialetto: Marche

'IE' CCHI DA MAMETA
Iè cchi da mameta,
fèrmete un bucco'!
me dighi sempre:
-Adessu nun ci hu tempu,
làsseme 'nda',
ci ho tantu da fa';
sta zzitta e bòna,
dopu 'jèngu ggio'.-

Nun te recòrdi
quann'eri picculéttu,
quannu de sera,
te purtàu a lettu?
I occhi me se chiudìa,
cascàu de sonnu,
ma te r'cuntàu
tuttu quellu che sapéu:

de Cappuccéttu,
del lupu ,de la nonna,
la scantafàula
del dragu,de lleo',
del maru grossu,
del ventu de la lonna,
finché de sonnu,
cascàmi tutti dò.

Nun te recòrdi,
'ttaccàtu a le suttàne,
piagnéi,tirài
pe 'ndà a giuga' de là:
lassàu tuttu
e c'éu tantu da fa'.
Adè' me dighi
"Nun ci hu tempu,o ma'."

Adè' nun 'egghi più
màmeta tua!
E 'iè' 'n 'po' cchi 'ecìnu,
lassa 'nda',
duènta pe' 'na 'olta
picculéttu,
bellu de mamma
e 'ièmme a cunsula'!.







  Traduzione in italiano

VIENI QUI DALLA TUA MAMMA
Vieni qui dalla tua mamma,
fermati un poco!
Mi dici sempre:
-Adesso non ho tempo,
lasciami andare,
ho tanto da fare;
stai zitta e buona,
dopo verrò giù.-

Non ti ricordi
quando eri piccolo,
quando a sera,
ti portavo a letto?
Gli occhi mi si chiudevano,
cadevo dal sonno,
ma ti raccontavo
tutto quello che sapevo:

di Cappuccetto,
del lupo,della nonna,
la favola
del drago, del leone,
del mare in tempesta,
del vento,dei cavalloni
finché di sonno
cadevamo tutti e due.

Non ti ricordi,
attaccato alla mia gonna,
piangevi,tiravi
per andare a giocare di là:
lasciavo tutto
e avevo tanto da fare !
Adesso mi dici :
-Non ho tempo,mamma!

Adesso non vedi più
mamma tua!
E vieni un po' qui vicino,
lascia andare (tutto),
diventa per una volta
piccino
bello di mamma,
e vieni a consolarmi!






Poesia inviata da: Novella di Porto Recanati


Viaggi, destinazioni turismo e avventura


dialettando.com © 2003-2019 Simonelli Editore Srl - Golem100 - All rights reserved | Contatti