Proverbi | Poesie | Racconti | Articoli | Dizionario | Ricette | Mobile | BackOffice e Registrazione | Contatti | Home 
PAROLA
IN
Dialettando.com



Le Regioni
Abruzzo
Basilicata
Calabria
Campania
Emilia Romagna
Friuli Venezia Giulia
Lazio
Liguria
Lombardia
Marche
Molise
Piemonte
Puglia
Sardegna
Sicilia
Toscana
Trentino Alto Adige
Umbria
Valle d'Aosta
Veneto
Canton Ticino
Corsica



Lazio
N'antro pacco pe' Natale
Dialetto: Lazio

N'antro pacco pe' Natale
Come che l'apro ce so' canti e soni
stelle filanti e gente a rallegrasse
li fochi d'artificio, er vino a casse,
luci abbajianti e splennini festoni.

Ma como che smartisco l'illusioni
ce trovo l'esattore de le tasse,
li buffi, co' mi mojie a lamentasse,
li bolli e...'n mucchio de contravenzzioni.

E più ciafruji levo, più ne stanno,
li mammadroni, l'ansie, le paure:
é paro paro quello de l'artranno !

Infonno c'é 'n bijietto de Natale:
si nun saranno auguri passi pure,
abbasta che nun é n'antra cambiale.

  Traduzione in italiano

Un altro pacco per Natale
Come lo apro ci sono canti e suoni,
stelle filanti e gente a rallegrarsi,
i fuochi d'artificio, il vino a casse,
luci abbaglianti e spendidi festoni.

Ma appena che passano le illusioni
ci trovo l'esattore delle tasse,
i debiti, con mia moglie che si lamenta,
i bolli e un mucchio di contravvenzioni.

E più impicci tolgo e più ne trovo
i nervosismi, l'ansie , le paure:
e proprio uguale al pacco dello scorso anno.

Infondo c'é un biglietto di Natale:
se non saranno auguri passi pure, ma basta che non sia un altra cambiale.



Poesia inviata da: Nolvio


Viaggi, destinazioni turismo e avventura


dialettando.com © 2003-2019 Simonelli Editore Srl - Golem100 Srl - All rights reserved | Contatti