Proverbi | Poesie | Racconti | Articoli | Dizionario | Ricette | Mobile | BackOffice e Registrazione | Contatti | Home 
PAROLA
IN
Dialettando.com



Le Regioni
Abruzzo
Basilicata
Calabria
Campania
Emilia Romagna
Friuli Venezia Giulia
Lazio
Liguria
Lombardia
Marche
Molise
Piemonte
Puglia
Sardegna
Sicilia
Toscana
Trentino Alto Adige
Umbria
Valle d'Aosta
Veneto
Canton Ticino
Corsica



Sardegna
Pore
Questa poesia nasce in Lingua Italiana, come tutte le successive a questa scritta da Almina Madau, e Giovanni Chessa, magistralmente, ne coglie l'essenza e la traspone in Lingua Sarde, precisamente di Torpè Nuoro.

Dialetto: Sardegna

Pore
Trappas
in campu abertas.
Diligas lughes, frinas,
mentidas i s’aposentu.
Atesu...sonos.
Boghes.
Zanzidas, cantigos,
mammarraias.... trastos.
Toccheddat....
i s’urigra su coro.
Icaldananda notte.
In pregadoria,
de isperu.....
de isetu.......
de pore......
Isperiende,
che lughinzalu, pisi pisi........
Este custa notte...
presogliu de vida.

  Traduzione in italiano

Paura
Le finestre sono aperte.
Deboli luci e deboli soffi freschi
si insinuano nella mia stanza.
deboli rumori in lontananza.
Voci.
Guaiti e musica
grilli e auto.
E nel mio orecchio posato sul cuscino,
il battito del mio cuore.
E' una calda notte di giugno.
Una notte di preghiera,
di speranza
di attesa
di paura.
Vagano i pensieri,
deboli come luci, lontani come voci.
E' una notte della mia vita,
legata alla tua.



Poesia inviata da: Almina Madau-Giovanni Chessa


Viaggi, destinazioni turismo e avventura


dialettando.com © 2003-2019 Simonelli Editore Srl - Golem100 - All rights reserved | Contatti