Proverbi | Poesie | Racconti | Articoli | Dizionario | Ricette | Mobile | BackOffice e Registrazione | Contatti | Home 
PAROLA
IN
Dialettando.com



Le Regioni
Abruzzo
Basilicata
Calabria
Campania
Emilia Romagna
Friuli Venezia Giulia
Lazio
Liguria
Lombardia
Marche
Molise
Piemonte
Puglia
Sardegna
Sicilia
Toscana
Trentino Alto Adige
Umbria
Valle d'Aosta
Veneto
Canton Ticino
Corsica



Marche
BABBU,EL FERàRU
La figura paterna torna alla memoria ,vigorosa e dignitosa,pur nell'atto dell'umile lavoro.

Dialetto: Marche

BABBU,EL FERàRU
Quell'omu cun qu'i bracci
secchi e pussènti,
quell'omu cu'le ma'
forte e ben fatte,
quell'omu che sudàa
(tenaje e mazza)
era el feràru.
Gònfie le 'ene
'nt' i bracci radecàte,
surgènte viva
de 'sta 'ita mia,
'ncora adè 'éggu:
'éggu la fronte alta,
le stille de sudore,
sia che gennàru fusse
o fusse agostu.
Qu'i cchiòppi rembumbàa
finu ggio' 'l maru,
batteà più dell'urlòggiu
l'ora del giornu:
fèru sturcéa,'nte'l fogu
vivu e rosciu,
sopre la 'ncutena
menàata tutt'el tempu.

Era el feraru,
la 'oce del laoru!

  Traduzione in italiano

BABBO,IL FABBRO
Quell'uomo con quelle braccia
asciutte e possenti,
quell'uomo con le mani
forti e ben fatte,
quell'uomo che sudava
(tenaglie e mazza)
era il fabbro.
Turgide le vene
nelle braccia radicate,
sorgente viva
di questa vita mia,
ancora adesso rivedo:
vedo la fronte alta,
le gocce di sudore,
sia che gennaio fosse
o fosse agosto .
Quei colpi rimbombavno
fino al mare,battevano più dell'orologio
l'ora del giorno:
ferro forgiava,nel fuoco
vivo e rosso,
sopra l'incudine
battuta tutto il tempo.

Era il fabbro,
la voce del lavoro!



Poesia inviata da: Novella Torregiani


Viaggi, destinazioni turismo e avventura


dialettando.com © 2003-2019 Simonelli Editore Srl - Golem100 Srl - All rights reserved | Contatti