Proverbi | Poesie | Racconti | Articoli | Dizionario | Ricette | Mobile | BackOffice e Registrazione | Contatti | Home 
PAROLA
IN
Dialettando.com



Le Regioni
Abruzzo
Basilicata
Calabria
Campania
Emilia Romagna
Friuli Venezia Giulia
Lazio
Liguria
Lombardia
Marche
Molise
Piemonte
Puglia
Sardegna
Sicilia
Toscana
Trentino Alto Adige
Umbria
Valle d'Aosta
Veneto
Canton Ticino
Corsica



Calabria
A ttàula cunzata
Sonetto inedito, composto subito dopo aver ascoltato in televisione la notizia della morte di Luciano Pavarotti.

Dialetto: Calabria

A ttàula cunzata
Sapiva ch’eri cumbinatu mali…
L’ura d’u pranzu. ’Ddumandu ’a T.V.
vitti ’a to’ fotu ntô teliggiurnali
e ccapìa: Lucianu no’ nc’è cchiù!

Scusa ’stu tonu cunfidenzïali
ma n’Artista chi ffu chiddu chi ffu,
ch’è cciangiutu a llivellu mondïali
àvi dirittu mi nci ramu u tu.

Di sòlitu, a nnutìzzii ’i ’sta purtata
rrestu friddu, abbitùtini non cangiu,
ma oggi è ppisantìssima ’a lignata.

Non sentu nuddu stìmulu mi mangiu
Afflittu vardu ’a tàula cunzata:
comu pozzu mangiari mentri ciàngiu?

  Traduzione in italiano

A tavola apparecchiata
Sapevo ch’eri conciato male…
L’ora del pranzo. Accendendo la TV
ho visto la tua foto nel telegiornale
e ho capito: Luciano non c’è più!

Scusa questo tono confidenziale
ma un Artista ch’è stato ciò che è stato
ch’è rimpianto a livello mondiale
ha diritto che gli diamo il tu.

Di solito, a notizie di questa portata
resto freddo, non cambio abitudini,
ma oggi la legnata è pesantissima.

Non sento alcuno stimolo di pranzare.
Afflitto, guardo la tavola apparecchiata:
come posso mangiare mentre piango?



Poesia inviata da: MAMUNI


Viaggi, destinazioni turismo e avventura


dialettando.com © 2003-2019 Simonelli Editore Srl - Golem100 Srl - All rights reserved | Contatti