Proverbi | Poesie | Racconti | Articoli | Dizionario | Ricette | Mobile | BackOffice e Registrazione | Contatti | Home 
PAROLA
IN
Dialettando.com
Login
Username: Password:
Se non ti sei ancora registrato e vuoi collaborare con dialettando.com
Registrati ora...




 

 

GLI ARTICOLI DI DIALETTANDO.COM:

Dialetti al Microscopio
Viaggio nei segreti delle "Altre Lingue": PIEMONTE, Strutture fondamentali del dialetto di Serravalle Scrivia (Alessandria)- Settima Parte

di Roberto Allegri

 

 

IL VERBO

(parte seconda)

 

PARTICOLARITA DELLA CONIUGAZIONE

A) Mutamenti fonetici provocati dallo spostamento dellaccento. Tale spostamento ha duplice direzione:

la ritrazione quando laccento dalla sillaba finale dellinfinito si sposta su quella tematica: questo avviene nella prima e terza coniugazione nel singolare del presente e dellimperativo e nella terza persona plurale del presente.

gminsò (cominciare) a gméinsu, ti gméinsi, u gméinsa, i gméinsa

ma a gminsemu, i gminsòvi, gminsàundu

lo slittamento quando laccento, che è sulla sillaba tematica allinfinito, sposta sulla desinenza: questo avviene nella seconda coniugaz:ione in tutte le forme verbali diverse da quelle sopra indicate.

bàive (bere) a bàivu, ma: a bevemu, i bevaivi, a bevrö

 

Le modificazioni fonetiche sono quelle già elencate a proposito dellaccento e qui valgono alcuni esempi:

 

 

 
markò (segnare)
ma:
kantò (cantare)
ma:
brutò (brucare)
ma:
runfò (russare)
ma:
onze (ungere)
ma:
krubì (coprire)
ma:
zügò (giocare)
ma:
sentì (sentire)
ma:
pezò (pesare)
ma:
véinse (vincere)
ma:
a mòrku, ti mòrki, u mòrka, i mòrka
i markài, u markòva, a markesa
a kàuntu, ti kàunti, u kàunta, i kàunta
i kantài, u kantòva, a kantrö
a brotu, ti broti, u brota, i brotaa brutemu, ti brutòvi, a brutezmua rounfu, ti rounfi, u rounfa, i rounfa
a runfòvu, i runfài, u runfesa
a ounzu, ti ounzi, u ounza, i ounza
a unzàivu, ti unzrè, i unzesa
a krobu, ti krobi, u kroba, i kriiba
a krubimu, i krubivi, i krubiràn
a zögu, ti zögi, u zöga, i zöga
i zügòvi, a zügesa, zügandu
a sàintu, ti sàinti, u sàinta, i sàinta
a sentimu, i sentivi, a sentizmu
a pàizu, ti pàizi, u pàiza, i pàiza
a pezemu, i pezòvi, i pezesa
a véinsu, ti véinsi, u véinsa, i véinsa
a vinsemu, i vinsàivi, i vinsrài

 

Lapofonia serve talvolta a distinguere i significati:

 

 

votare

vutò

voltare

 

a vutu (io voto) senza apofonia

 

a vòtu ( io volto) con apofonia

 

 

In altri casi permane lambiguità:

 

a drobu può significare "io apro" (da drubì), oppure "io adopero" (da drubò)

 

Non tutti i verbi con le vocali tematiche suscettibili di apofonia la subiscono nella coniugazione, ma i verbi che hanno la N nel tema hanno tassati vamente le variazioni fonetiche.

Roberto Allegri
(7.Fine)

© Copyright by Simonelli Editore srl
Vietato linkare o copiare senza autorizzazione scritta
Any link it is forbidden without a written permission.




dialettando.com © 2003-2019 Simonelli Editore Srl - Golem100 - All rights reserved | Contatti