Proverbi | Poesie | Racconti | Articoli | Dizionario | Ricette | Mobile | BackOffice e Registrazione | Contatti | Home 
PAROLA
IN
Dialettando.com
Login
Username: Password:
Se non ti sei ancora registrato e vuoi collaborare con dialettando.com
Registrati ora...




 

 

GLI ARTICOLI DI DIALETTANDO.COM:

Dialetti al Microscopio
Viaggio nei segreti delle "Altre Lingue": PIEMONTE, Strutture fondamentali del dialetto di Serravalle Scrivia (Alessandria)- Terza Parte

di Roberto Allegri

 

GLI AGGETTIVI QUALIFICATIVI

 

FORMAZIONE DEL FEMMINILE E DEL PLURALE

 

Gli aggettivi concordano col sostantivo in genere e numero. Le varie forme sì ottengono nel modo seguente:

 

  • se l'aggettivo termina in No in Uaggiungendo (se termina in N ) o cambiando la finale (se termina in U) le seguenti terminazioni:

 

A,al femminile singolare: Bròvo (bravo) Féin (fine) Bròva Féina

 I, al maschile plurale: Bròvi Féini

E,al femminile plurale: Bròve Féine

 

 

Gli aggettivi in àne ón, per ragioni fonetiche intercalano udavanti alla n

 

Bón(buono)

bóuna, bóuni, bóune,

Luntàn (lontano)

Luntàuna, luntàuni, luntàune

 

 

Se l'aggettivo termina in Evaria solo al maschile plurale:

 

saku greve(Sacco pesante)

bursa greve (borsa pesante)

saki grevi(sacchi pesanti)

burse greve (borse pesanti)

 

Se l'aggettivo termina in òvaria soltanto al plurale, maschile e femminile, dove prende è.

Omu invezendò (uomo affaccendato)

Dona invezendò

Omi invezendè

Done invezendè

  

La regola del femminile in avale anche per i nomi, se il genere non è già espresso da parole distinte (es. "omu" SIZE=5 e "dona"), terminazione che assumono anche i nomi in E atona

  Sciuu (signore)

Sciua

Plisón (poltrone)

Plisóuna

Sakriste (sagrestano)

Sakrista

 

 

Se la vocale finale del nome è accentata, la a si aggiunge.

barbé(barbiere)

barbéa

sertù(sarto)

sertùa

 

Se il nome termina in òha il femminile in èa

Mazlò (macellaio)

Mazlèa

Furnò (fornaio)

Furnèa

Spesciò (farmacista)

Spescièa

Muinò (mugnaio)

Muinèa

 

Gli aggettivi grande, santu (santo) e bèlu (bello):

"Santu"diventa Sandavanti a nome proprio: San Giüzèpe

"Grande"diventa gran davanti a nomesingolare; al plurale solo se il nome incomincia per consonante: gran dona, gran done, grand'omi, gran spesciè

"Bèlu"diventa beial plurale: bèi omi, bei done(ma anche: bèle done)

  

AGGETTIVI DI QUANTITÀ

"Molto" e "tanto" si rendono entrambi con

tante (m.s.) tanta (f.s.) tanti (m.p.) tante (f.p.):

tante lète (molto latte); tanti sodi (molti soldi)

 

"Quanto" sì rende con kuante che si declina analogamente:

kuante lète (quanto latte); kuanti sodi (quanti soldi soldi)

 

"tante" e "kuante"diventano "tantu" e "kuantu"se sono soli:

an vöiu tantu (ne voglio molto)

 

"Poco" è póku

 

"Troppo" è trópu

 

con declinazione regolare: póka, póki, póke

 

 

 

COMPARAZIONI

 

Gli avverbi "pü"(più) e "menu"(meno) sono sempre correlati:

nel comparativo con ke davanti al secondo termine di paragone; nel superlativo (ossia quando sono preceduti dall'articolo) con id.

 

l'è pü (menu) fürbu ke ti (è più (meno) furbo di te)

ug a pü (menu) sodi ke ti (ha più (meno) soldi di te

l'è è pü (menu) fürbu 'd tüti (è il più (meno) furbo di tutti)

ug a pü (menu) sodi 'd tüti (ha più (meno) soldi di tutti)

 

Il comparativo di eguaglianza si esprime con kmèdavanti al secondo termine, se la comparazione avviene tra aggettivi: se invece avviene tra sostantivi la correlazione è data da tante (declinato)... SIZE=4 kmè

 

l'è fürbu kmè ti(è tanto furbo quanto te)

ug a tanti sodi kmè ti (ha tanti soldi quanto te)

 

 

ketraduce anche l'espressione "di quello che"

 

kuel'omu l' è meiu k'an pensòvu(quell'uomo è meglio di queI che pensassi)

 

Non esistono comparativi irregolari, ma "migliore" e "peggiore" possono tradursi con gli avverbi "meiu" e "pézu"

 

l'è pü vègiu ke mi(è maggiore di me)

l'e meiu ke mi(è migliore dt me)

 

Il superlativo assoluto si ottiene con gli avverbi tantu(anteposto all'aggettivo) o bàin(posposto), ovvero con la desinenza isimuche provoca la caduta della vocale finale dell'aggettivo:

 

Bèlu(bello) tantu bèlu, bèlu bàin(bellissimo).

Féin(fine) tantu féin, finìsimu (finissimo

Bón(buono) bunìsimu(buonissimo)

Kòu(caro) kaìsimu (carissimo)

 

Roberto Allegri
(3.continua)

© Copyright by Simonelli Editore srl
Vietato linkare o copiare senza autorizzazione scritta
Any link it is forbidden without a written permission.




dialettando.com © 2003-2019 Simonelli Editore Srl - Golem100 - All rights reserved | Contatti