Proverbi | Poesie | Racconti | Articoli | Dizionario | Ricette | Mobile | BackOffice e Registrazione | Contatti | Home 
PAROLA
IN
Dialettando.com



Le Regioni
Abruzzo
Basilicata
Calabria
Campania
Emilia Romagna
Friuli Venezia Giulia
Lazio
Liguria
Lombardia
Marche
Molise
Piemonte
Puglia
Sardegna
Sicilia
Toscana
Trentino Alto Adige
Umbria
Valle d'Aosta
Veneto
Canton Ticino
Corsica



Campania
Cozze nella culla
Regione: Campania

Nota: cozzeche è il plur. di cozzeca= cozza, mollusco marino commestibile, comune nei mari temperati e anche coltivabile, con conchiglia bivalve a forma di cuneo, nera all'esterno e madreperlacea all'interno; la voce cozzeca che è anche nell’italiano accanto a cozza, è variante merid. di coccia 'guscio di molluschi';
connola= culla piccolo letto per neonati, un tempo per lo più a dondolo; la voce connola è dal tardo latino cunula(m), dim. di cuna 'culla';
la ricetta fu molto gradita al re Ferdinando I Borbone che la faceva preparare con i mitili da lui stesso pescati e che non era riuscito a vendere come era solito fare con tutto l’altro da lui pescato nel mare sotto la collina di Posillipo.

PREPARAZIONE
Lavare e spazzolare decisamente le cozze eliminando bisso ed incrostazioni; sistemarle in un ampio tegame incoperchiato e, senza aggiungere acqua o altro liquido ed a fuoco vivace farle aprire aggiungendo alla fine poco pepe; prelevare dalle valve i frutti sistemandoli in una terrina coperti con il liquido che le cozze, aprendosi avranno prodotto; tale liquido dovrà essere filtrato con un colino di garza per trattenere eventuali impurità.
Lavare, asciugare i pomidoro che vanno tagliati orizzontalmente verso l’alto per modo che eliminato il… cappello, si possano adeguatamente svuotare di polpa e semi; porli capovolti su di un canovaccio per far scorrer via un po’ del liquido di vegetazione dopo alcuni minuti, sistemarli uno accanto all’altro in una capace pirofila nella quale verrà versato tutto il liquido d’apertura delle cozze, tenendo i pomidoro con la bocca in alto; salarli, aggiungere un po’ d’origano e porre in ogni pomodoro un adeguato numero di frutti di mare,cospargendovi sopra il trito di capperi, prezzemolo ed aglio; irrorare il tutto con l’olio ed a completamento cospargere con il pangrattato, ponendo al forno caldo (180°) per circa 25’ fino a che non si formi una crosticina dorata.
Servire caldo di forno.
Vini: secchi e profunati bianchi campani ( Solopaca, Capri, Ischia, Falanghina, Fiano) freddi di frigo

  Ingredienti

Per 6 persone
2 kg di cozze;
12 grossi pomidoro semimaturi tipo Sorrento o tipo costoluti;
1 etto di capperi dissalati, lavati, asciugati e tritati finemente con del prezzemolo ed aglio;
1 cucchiaio d’origano secco;
3 cucchiai di pangrattato;
1 bicchiere e mezzo d’olio d’oliva e. v.
sale fino e pepe nero q. s.



Ricetta inviata da: Raffaele Bracale - Napoli


Viaggi, destinazioni turismo e avventura


dialettando.com © 2003-2019 Simonelli Editore Srl - Golem100 Srl - All rights reserved | Contatti