Proverbi | Poesie | Racconti | Articoli | Dizionario | Ricette | Mobile | BackOffice e Registrazione | Contatti | Home 
PAROLA
IN
Dialettando.com



Le Regioni
Abruzzo
Basilicata
Calabria
Campania
Emilia Romagna
Friuli Venezia Giulia
Lazio
Liguria
Lombardia
Marche
Molise
Piemonte
Puglia
Sardegna
Sicilia
Toscana
Trentino Alto Adige
Umbria
Valle d'Aosta
Veneto
Canton Ticino
Corsica



Lazio
Dialettu nostru
Questo sonetto è scritto in dialetto tiburtino, che è la "lingua madre" degli abitanti di Tivoli, in provincia di Roma. Tiburtini e non Tivolesi, dall'antico nome Tibur.

Dialetto: Lazio

Dialettu nostru
Non conoscemo ppiù lu dialettu
e non ze sentu ‘n giru li sfonnuni
quilli belli descurzi d’arempettu
pe’ lli viculi che stanno deggiuni.

Ci diciu tutti che la lengua bbona
è quella nazzionale, l’itagghiànu
questa de ando' si nnatu è ppiù ccafòna
che tte fa esse bbifurcu foretànu.

Lo megghio se lo perdu de securu
li ggiuvini non sannu l’arecacci
biunzu, crinu e mancu mottaturu.

Sendete a mme pigghiemo a reparlacci
‘n’ mezzu a le stradi e nnone mùru mùru
senza dialettu semo ppiù pporacci.

  Traduzione in italiano

Dialetto nostro
Non conosciamo più il dialetto
e non si sentono in giro le parole dialettali particolari
i bei discorsi fatti da una finestra all'altra
nei vicoli che ora sono digiuni di dialetto.

Tutti dicono che la lingua da utilizzare
è quella nazionale, l'italiano
questa di dove sie nato è più cafona
che ti fa essere un bifolco contadino.

Sicuramente i giovani si perdono il gusto perchè non sanno i soprannomi
e il significato dei termini.

Sentite me prendiamo a riparlare in dialetto
in mezzo alle strade e non da una parte
perchè senza dialetto siamo più poveri.



Poesia inviata da: Gian Franco D'Andrea


Viaggi, destinazioni turismo e avventura


dialettando.com © 2003-2019 Simonelli Editore Srl - Golem100 Srl - All rights reserved | Contatti