Proverbi | Poesie | Racconti | Articoli | Dizionario | Ricette | Mobile | BackOffice e Registrazione | Contatti | Home 
PAROLA
IN
Dialettando.com



Le Regioni
Abruzzo
Basilicata
Calabria
Campania
Emilia Romagna
Friuli Venezia Giulia
Lazio
Liguria
Lombardia
Marche
Molise
Piemonte
Puglia
Sardegna
Sicilia
Toscana
Trentino Alto Adige
Umbria
Valle d'Aosta
Veneto
Canton Ticino
Corsica



Campania
Cos’’e pazze!
Come il sole saluta la vita, così io saluto Te, Signore, che tutti i giorni mi riscaldi il cuore.

Dialetto: Campania

Cos’’e pazze!
Ddoje nuvole janche e, arreto,
smircia zinneianno
nu bagliore quase malato
titubbante.
Po, chianu chiano, comm’ê fare
’ncopp’â scena, tutto schiara.

Prima è rosa pàlleto
po, nun te n’adduone subbeto,
se fa cchiù carreco
e finalmente è ffuoco ‘e passione.
Na felìnia 'e luce s’appenne ‘ncielo
e n’atu juorno nasce pe mme.

Cos’’e pazze!
Comm’â cristallo lucecheja ‘o sole
comm’â n’orchesta canteno
ll’aucielle ‘ncielo
e ‘o batteto d‘‘o mare se sente
‘ncopp’â rena.
Pirciò… tant’’e cappielle a Te, Signore,
ca ogni gghiuorne me scarfe ‘o core.

  Traduzione in italiano

Incredibile!
Straordinario!
Due nuvole bianche,
dietro,
un bagliore tremante sbircia
occhieggiando
poi piano piano, come le luci
sul palcoscenico, albeggia.
Prima è rosa pallido
poi - non te ne accorgi subito-
diventa color fucsia
e finalmente fuoco di passione.
Una ragnatela di luce si appende in cielo
e un altro giorno nasce per me.
Incredibile!
Come cristallo brilla il sole
come un’orchestra cantano gli uccelli in cielo
e il soffio del mare respira
sulla rena.
Perciò…salute a Te, Signore,
che tutti i giorni mi riscaldi il cuore.



Poesia inviata da: Rosalia D'Ambrosio


Viaggi, destinazioni turismo e avventura


dialettando.com © 2003-2019 Simonelli Editore Srl - Golem100 Srl - All rights reserved | Contatti