Proverbi | Poesie | Racconti | Articoli | Dizionario | Ricette | Mobile | BackOffice e Registrazione | Contatti | Home 
PAROLA
IN
Dialettando.com



Le Regioni
Abruzzo
Basilicata
Calabria
Campania
Emilia Romagna
Friuli Venezia Giulia
Lazio
Liguria
Lombardia
Marche
Molise
Piemonte
Puglia
Sardegna
Sicilia
Toscana
Trentino Alto Adige
Umbria
Valle d'Aosta
Veneto
Canton Ticino
Corsica



Calabria
Nu juornu di duminica matina
Ingenua filastrocca nonsense che mio nonno Pietro (classe 1903) mi insegnò quando avevo cinque anni (1955), non mancando di farmi notare che di domenica non si lavora, che con la falce non si semina ma si miete, che sulle querce nascono le gliànne (ghiande) e che il padrone delle pere non può chiamare ladro chi sta raccogliendo ciliege e che,infine, il calcagno fa parte del piede ed è quindi impossibile che, se ferito, provochi la fuoriuscita di sangue dal naso o dalle braccia.

Dialetto: Calabria

Nu juornu di duminica matina
Dialetto di Reggina-Lattarico (Cosenza)

Nu juornu di duminica matina
Ccu ru faccioni vaiju a siminàri:
viju na cerza carrica di mila
mi junnu e minni fazzu tri bajani.
Mi vida ru patruni di li piri:
"Oy latru ca m'arruobbi ssi ciràsi"
e mi mina na petra a ru carcagnu
e tutt'u sangu mo' m'èscia du nasu.

E nun c'abbastanu ne pezz'e ne strazzi
p'attagnà u sangu chi m'èscia di lu vrazzu.

  Traduzione in italiano

Un giorno di domenica mattina


Un giorno di domenica mattina
con la mia falce vado a seminare
vedo una quercia carica di mele
mi avvento e ne raccolgo tre bajane (peperoncini)
Mi vede il padrone delle pere:
"O ladro che mi rubi queste ciliege!"
e mi lancia un sasso contro il calcagno
e tutto il sangue mi esce dal naso.

Ora non bastano ne pezze e ne stracci
per fermare il sangue che sgorga dal mio braccio.



Poesia inviata da: Benito Ciarlo


Viaggi, destinazioni turismo e avventura


dialettando.com © 2003-2013 Simonelli Editore Srl - Golem100 Srl - All rights reserved | Contatti