Proverbi | Poesie | Racconti | Articoli | Dizionario | Ricette | Mobile | BackOffice e Registrazione | Contatti | Home 
PAROLA
IN
Dialettando.com



Le Regioni
Abruzzo
Basilicata
Calabria
Campania
Emilia Romagna
Friuli Venezia Giulia
Lazio
Liguria
Lombardia
Marche
Molise
Piemonte
Puglia
Sardegna
Sicilia
Toscana
Trentino Alto Adige
Umbria
Valle d'Aosta
Veneto
Canton Ticino
Corsica



Puglia
Re dòlce nòte
Francesco Palazzo (1920/2000) Il Carabiniere poeta di Bisceglie -BA -

Dialetto: Puglia

Re dòlce nòte
Ind'o pendagrèmme
tra spazie e réghe
stònne nvéle.
Sò sètte sòre dulce
e zembellère,
ca se mèsckene e
s'èmene.
U véinde re spenge,
vònne sìuse e ìuse,
attòcchene u céile,
la lìune e re stèlle,
svèlte,
allégre
e chiane.
Quènne r'accarèzzene
pe senaie e candòie,
fàcene scòrre
lagreme de chendandèzze.
Ci ame la mùseche
nan r'abbandaune,
se re tène vecéne
o còre,
pe regalalle préisce
e amòre.

Francesco Palazzo (1920-2000)

  Traduzione in italiano

Le dolci none
Nel pentagramma
tra spazi e righe
stanno in fila.
Sono sette sorelle dolci
e salterine,
che si mischiano e
si amano.
Il vento le spinge,
vanno su e giù,
toccano il cielo,
la luna e le stelle,
veloci,
allegre
e piano.
Quando le accarezzano
per suonare e cantare,
fanno scorrere
lacrime di felicità.
Chi ama la musica
non le abbandona,
se le tiene vicino
al cuore,
per regalargli gioia
e amore.



Poesia inviata da: Antonio Palazzo


Viaggi, destinazioni turismo e avventura


dialettando.com © 2003-2019 Simonelli Editore Srl - Golem100 Srl - All rights reserved | Contatti