Proverbi | Poesie | Racconti | Articoli | Dizionario | Ricette | Mobile | BackOffice e Registrazione | Contatti | Home 
PAROLA
IN
Dialettando.com



Le Regioni
Abruzzo
Basilicata
Calabria
Campania
Emilia Romagna
Friuli Venezia Giulia
Lazio
Liguria
Lombardia
Marche
Molise
Piemonte
Puglia
Sardegna
Sicilia
Toscana
Trentino Alto Adige
Umbria
Valle d'Aosta
Veneto
Canton Ticino
Corsica



Lombardia
'Na sera de quei....
Ci sono momenti in cui desideri chiarire alcune cose e non sai con chi parlare. Davanti ad uno specchio puoi immaginare di avere un amico che ti ascolta. Secondo me questo è il massimo della solitudine. Era il 1994.

Dialetto: Lombardia

'Na sera de quei....
La sera te tiret su i cont
de quela che l'è stada la toa giornada.
Nagot, nient e nessun...
ona pòra vita de disgraziada.
E te se guardet indrèe.
"Come l'è stada ier? -La stèssa!"
Guardess ben, dal cò ai pèè
tuta, tuta ona debolezza.
Te paret dura come 'l mur.
Anca el tò spécc el t'inganna.
"Te la lì, guarda che oeucc dur!"
Ma in doe l'è la Loredana?

L'è inutil che te pianget,
tant a ti te ved nessun.
L'è mej che te se ranget,
prima che végn on quei vun.

  Traduzione in italiano

Una serata di quelle....
La sera tiri le somme
di quella che è stata la tua giornata.
Nulla, niente e nessuno...
una povera vita da disgraziata.
E ti guardi indietro.
"Come è stata ieri?-La stessa!"
Guardati bene, dalla testa ai piedi
tutta, tutta una debolezza.
Appari dura come una roccia.
anche il tuo specchio t'inganna.
"Eccoti lì,guarda che occhi duri!"
Ma dove è finita la Loredana?

E' inutile che piangi,
tanto a te non ci pensa nessuno.
E' meglio che ti arrangi
prima che arrivi qualcuno.



Poesia inviata da: Loredana Moroni


Viaggi, destinazioni turismo e avventura


dialettando.com © 2003-2013 Simonelli Editore Srl - Golem100 Srl - All rights reserved | Contatti