Proverbi | Poesie | Racconti | Articoli | Dizionario | Ricette | Mobile | BackOffice e Registrazione | Contatti | Home 
PAROLA
IN
Dialettando.com



Le Regioni
Abruzzo
Basilicata
Calabria
Campania
Emilia Romagna
Friuli Venezia Giulia
Lazio
Liguria
Lombardia
Marche
Molise
Piemonte
Puglia
Sardegna
Sicilia
Toscana
Trentino Alto Adige
Umbria
Valle d'Aosta
Veneto
Canton Ticino
Corsica



Calabria
A Luci
Dialetto: Calabria

A Luci
Dialetto di Montalto Uffugo (Cosenza)

A ru principiu un c'era propriu nenti,
mancu na ficu muscia o nu sirpenti.
C'era na mmisc'katoria generali:
un c'er'u bbeni, nè c'era ru mali.

U Patritiernu si nni stava sulu
a cavaddru du vientu ca jiujjiava,
facìa ra mossa ca nun ci pinzava
e 'mmeci n'Terra dirigìu lu vulu.

'Ntra chiru scuru si sintì a na vuci
"Iju vuogliu fà na cosa: fazz'a luci!"
A ru mumentu, 'ncielu, na faciglia
appicciau suli, ch'è na maraviglia.

  Traduzione in italiano

La Luce
In principio non c'era proprio niente,
nemmeno un fico secco od un serpente.
C'era un miscuglio generale:
non c'era il bene, nè c'era il male.

Il Padreterno se ne stava solo
a cavallo del vento che soffiava,
mostrava di non pensarci
e invece diresse il volo verso la Terra.

In quel buio si sentì una voce
"Io voglio fare una cosa: faccio la luce!"
In quel momento, in cielo, una scintilla
accese il sole, chè una meraviglia.



Poesia inviata da: Benito Ciarlo


Viaggi, destinazioni turismo e avventura


dialettando.com © 2003-2019 Simonelli Editore Srl - Golem100 Srl - All rights reserved | Contatti